adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Due per la strada (1967)

sabato 30 Marzo, 2019 | di Erasmo De Meo
Due per la strada (1967)
Stanley Donen
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

L’ultima grande opera
L’ultimo grande lavoro di un autore, qualsiasi sia l’arte interessata, getta sempre un’ombra lunga e, in un certo senso, indelebile sulla memoria e sul giudizio che lo riguardano. Le grandi bagnanti eclissa l’opera precedente di Cézanne, Love and Theft è la necessaria porta d’accesso a Bob Dylan e di Montale oggi si legge più Satura che Ossi di seppia.

Per il cinema vale lo stesso, gli ultimi film cambiano sempre radicalmente il modo in cui si guardano i film precedenti. Due per la strada è l’ultimo grande film di Stanley Donen e guardarlo senza questa consapevolezza lo impoverirebbe.
Due per la strada è un film molto particolare, focalizzato su una coppia che potrebbe essere una coppia qualsiasi e che come tale si presenta. La narrazione non segue alcun ordine temporale, ma procede collegandosi a oggetti, situazioni, figure, che, ripresentatesi più volte durante la storia di Joanna (Hepburn) e Mark (Finney), svelano gli umori e le sensazioni dei due, permettendo di misurare la salute della loro coppia nel tempo. Per tale costruzione il film dipende molto dal montaggio e procede con un ritmo molto vario, ora lento, ora sostenuto, ora addirittura accelerato in una sequenza riprodotta a velocità doppia. I diversi ritmi assumono così un valore semantico, conferendo il tono alla sequenza, dall’euforia giovanile, al greve trascinarsi della vita coniugale. Su quest’ultimo punto il film pone una parola definitiva sul matrimonio ed è una parola vuota: il matrimonio spegne la curiosità intellettuale come e quanto quella sessuale; il matrimonio spegne l’ambizione personale; il matrimonio vive di bugia, tradimento ed apparenza; il matrimonio non lascia più niente, proprio niente – come nelle frequenti inquadrature dove coppie anziane non parlano, né si guardano – da dire. Non c’è un reale inizio del film, come non c’è una vera conclusione, si finisce dove si era cominciato, in una fissità ciclica che conferma, da una parte l’impossibilità di Joanna e Mark di ritornare all’entusiasmo iniziale, dall’altra l’inevitabilità che altre e sempre nuove coppie commettano lo stesso “errore”. Tutta o quasi tutta la filmografia di Donen ruota attorno al concetto di coppia e di relazione, lambendo o affrontando, fino a metterlo a nudo, il valore sociale del matrimonio e della famiglia. Due per la strada è la fine di un discorso e tutte le sue opere precedenti a questa devono essere ridiscusse e riconsiderate: i matrimoni dei sette fratelli, l’unione di Don e Lina in Cantando sotto la pioggia (1952), la fuga di Charles e Hattie in L’erba del vicino è sempre più verde (1960), la proposta di matrimonio in Sciarada (1963), l’amore che nasce in Cenerentola a Parigi (1957), avranno la stessa sorte di Joanna e Mark? Due per la strada dice di sì e affermandolo diventa un film ancora più grande di quanto già non sia.

Due per la strada [Two for the Road, Regno Unito 1967] REGIA Stanley Donen.
CAST Audrey Hepburn, Albert Finney, Eleanor Bron, William Daniels, Claude Dauphin.
SCENEGGIATURA Frederic Raphael. FOTOGRAFIA Christopher Challis. MUSICHE Henry Mancini.
Commedia, durata 111 minuti.

Due per la strada (1967)
4.6 5 92%

2 Comments

  1. Edop says:

    Ottima recensione per un grande film, purtroppo meno celebre di quanto dovrebbe essere

  2. marianne renoir says:

    Film magistrale pieno di commedia e dolore e di invenzioni bellissime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly