adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Tree of Life

sabato 21 Maggio, 2011 | di Matteo Nicola Bottino
The Tree of Life
Speciale
0
Facebooktwittermail

2011: Elegia della Vita
Difficile, se non impossibile, descrivere a parole The Tree of Life. Il quinto film scritto e diretto da Terrence Malick è infatti un’esperienza visiva, sensoriale ed emozionale di rara potenza, splendore e lirismo.

Volendo a tutti i costi ridurre all’osso la ricchezza di un simile capolavoro ed estrarne una scarna sinossi si potrebbe dire che racconta la storia della famiglia O’Brien, vissuta nel Midwest degli anni ’50, attraverso lo sguardo e i ricordi del figlio maggiore Jack (Sean Penn). Architetto di successo, Jack si sente intrappolato e perduto nel mondo moderno e urbano, fatto di grattacieli di vetro e d’acciaio, abitazioni dal design asettico e minimalista, profondamente diverso dall’ambiente e dalla casa in cui è cresciuto. Inizia così a ripercorrere il proprio passato, il rapporto conflittuale con il padre severo e normativo (Brad Pitt), l’amore avvolgente e pieno di grazia della madre (Jessica Chastain, sublime apparizione/rivelazione, bellezza dai colori e lineamenti preraffaellita), la progressiva perdita dell’innocenza, il lutto doloroso e insostenibile per la morte del fratello minore.
Ovviamente The Tree of Life è molto più di questo. È una poesia fatta di immagini e suoni, una preghiera a Dio e all’Universo, una riflessione filosofica, mistica e spirituale sugli affetti famigliari, la natura e il senso profondo dell’esistenza. Le domande poste, per quanto intime e universali siano, da sole non bastano, devono giustamente e necessariamente essere accompagnate dalle immagini e così Malick spiazza ancora una volta inserendo, a sorpresa, una lunga e straordinaria sequenza che ricostruisce l’origine dell’Universo e la nascita della Terra, la comparsa delle prime forme di vita cellulare e dei dinosauri, fino all’arrivo dell’asteroide che ne ha causato l’estinzione. Microcosmo e macrocosmo, realismo e astrattismo epico si fondono tra loro in un susseguirsi di musiche, immagini e suoni, a metà tra documentarismo e video arte, che lasciano letteralmente senza fiato. Un omaggio/richiamo a 2001: Odissea nello spazio (Malick ha lavorato a stretto contatto con Douglas Trumbull, già responsabile degli effetti visivi del film di Stanley Kubrick) indubbiamente molto ambizioso ma forse solo un talento visionario come Malick poteva avere il coraggio per osare fino a tal punto, riuscendo a centrare l’obiettivo. Con l’armonia di una sinfonia musicale è infatti riuscito a legare insieme scienza e fede, la teoria del Big Bang, l’evoluzionismo darwiniano con le immagini estatiche e paradisiache di un aldilà immaginifico.
Cinema della contemplazione e dell’adorazione in cui ogni sequenza, anche la più astratta, finisce per assumere un senso profondo, universale, toccante. Un vertiginoso magma pulsante di suggestioni, sentimenti, riflessioni, quesiti, musiche, immagini e suoni che vorremmo non finissero mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly