adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Le idi di marzo

lunedì 19 Dicembre, 2011 | di Valentina Di Giacomo
Le idi di marzo
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Cuore di tenebra
“È lunga la notte che non trova mai il giorno”, bene lo sa Shakespeare quando scrive il Macbeth. Così Malcom rivolgendosi a Macduff, poco prima della fine di tutto. Prima di vendicare i massacri compiuti dal crudele usurpatore del trono di Scozia, e ridare alla terra un re degno del suo popolo.

Ma per uscire dall’incubo in cui Macbeth ha precipitato tutto e tutti, ci vorrà coraggio. Lunga, lunghissima è infatti la notte in cui è sprofondato il mondo a causa del crudele e ambizioso Macbeth. Da quella stessa notte – ancora ignari – vediamo emergere all’inizio del film anche Ryan Gosling, nel ruolo di Stephen Meyers, giovane guru della comunicazione responsabile, assieme al mentore Paul Zara (Philip Seymour Hoffman) della campagna elettorale del senatore democratico Morris (Clooney). Come Macbeth infatti, Stephen – inizialmente idealista ed eticamente schierato- si fa improvvisamente cieco usurpatore. Sono le parole di  Tom Duffy (Paul Giamatti) – spietato portavoce dell’avversario politico di Morris – ad ingravidare la sua mente del desiderio. Le sue lusinghe lo tentano, e segretamente Stephen lo incontra. Il male, come sempre, si presenta insidioso. Da quella sottile crepa aperta dalle parole di Tom tra pensiero e azione, sgorga incalzante l’azione del film che agilmente riattiva nella nostra memoria cadute luciferine, tenebre conradiane, mirabilmente omaggiando i classici del cinema politico anni Settanta. In un rapido susseguirsi di pensieri ed azioni minuziosamente ponderati in vista del raggiungimento del potere, Stephen sceglie, come Macbeth, l’ambizione. Idealmente assassinando l’etica inizialmente difesa, cinicamente usurpa a Tom la strategia, a Paul il lavoro, infine la scena al senatore Morris. Scritta insieme a Grant Eslov e ispirato alla piece teatrale di Beau Willimon Farragut North, con Le idi di marzo George Clooney – al suo quarto lungometraggio come regista – riesce a trattenere un sorprendente vigore drammaturgico, iniettando nelle fibre di questo lavoro il senso di una antica attualissima lezione, forza della quale si serve per rileggere acutamente il nostro presente. Il male appartiene a tutti, non risparmia nessuno; lambisce perfino la fragile Molly (Evan Rachel Wood), che come Ofelia prematuramente lascerà la scena di un mondo ormai saltato in aria, che non tiene più. Mondo sul quale si è appena insediato il giovane Stephen, novello Macbeth. L’oscurità che lo avvolge gli si addice alla perfezione; la mente turbata ed assorta in chissà quali progetti, rivela già segni di squilibrio interiore: anche Stephen, come Macbeth, perderà il sonno. È solo questione di tempo. Presto subentreranno allucinazioni e visioni nefaste come quelle che assalgono l’eroe shakespeariano. È solo l’inizio quello che Clooney ci ha raccontato con Le idi di marzo. Il suo Macbeth è appena salito al trono. Lunga, lunghissima è ancora la notte.

Le idi di marzo [The Ides of March, USA 2011] REGIA George Clooney.
CAST Philip Seymour Hoffman, Paul Giamatti, Ryan Gosling, Geroge Clooney, Evan Rachel Wood.

SCENEGGIATURA George Clooney, Grant Heslov, Beau Willimon (dall’opera teatrale di Beau Willimon). FOTOGRAFIA Phedon Papamichael. MUSICHE Alexandre Desplat.
Drammatico, durata 98 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly