adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Shame

lunedì 16 Gennaio, 2012 | di Andrea Moschioni Fioretti
Shame
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Routine
Steve McQueen torna a dirigere il prezzemolino Michael Fassbender, binomio perfetto: il regista britannico sa gestire i suoi attori e i loro corpi e il suo talento visivo è evidente, l’attore è uno delle “scoperte” degli ultimi anni e la sue interpretazioni sono impeccabili…ma qualcosa è andato storto in Shame.

Innanzitutto bisogna analizzare il fatto che non siamo davanti a un film erotico fine a se stesso, come alcuni hanno strombazzato in questi giorni, ma in Shame c’è molto di più; c’è una città, New York, sporca e cattiva che ingloba i suoi abitanti e non li aiuta ad elevarsi dalla massa, c’è la solitudine, la ricerca di un sentimento rinnegato, la malattia e alla fine, forse, il sesso. McQueen nel raccontarci la routine in cui sopravvive il protagonista (scopata, doccia, lavoro, masturbazione, video porno, scopata), lancia delle frecce che però non colgono il segno, è tutto accennato e limitato ma soprattutto spiegato con una storia in qualche modo moralista e furba. L’inizio della pellicola ci fa ben sperare, il personaggio di Fassbender, Brandon, è un parente stretto dei protagonisti dei libri di Bret Easton Ellis, uomo in carriera che nasconde un modo di vivere borderline e malato, ma la sfacciataggine iniziale con cui ci viene presentato e con cui si comporta è pian piano accantonata per essere sostituita da una estenuante disperazione generale. A partire dall’arrivo della sorella Sissy (l’ottima Carey Mulligan), Brandon muta il suo essere liberamente e “felicemente” erotomane in una condizione di revisione della propria vita e alla fine scade anche nel moralismo scandalizzandosi, in qualche modo, del rapporto sessuale che la sorella ha con un uomo sposato. Il personaggio perde in credibilità e coerenza, sarebbe stato più interessante mantenere il profilo “squilibrato” iniziale piuttosto che degenerare nello scontato pentimento e nella già vista “discesa agli inferi” di un uomo destinato a soccombere per la sua depravazione. Una New York così “poco New York” e la solitudine e l’apatia di Brandon potevano regalarci un altro film, la sceneggiatura è portata, purtroppo, a disegnarci un film furbo e quasi ricattatorio in cui la morale di fondo è che alla fine se si conduce una vita estrema prima o poi qualcosa arriverà a salvarci. Non è di grande novità nemmeno la ricerca eccessiva del piacere che pian piano volge nella perversione e nella patologia, non ci sono risvolti inesplorati e le scene di sesso prive di erotismo ma cariche di squallore nel finale precipitano nello sfrontato mescolarsi di piacere e dolore nel volto di Fassbender. Resta anche ignorato, o meglio, poco chiaro il rapporto che lega i due fratelli, fatto di sentimenti nascosti e per questo, quando riaffiorano, rabbiosi ed esasperati. Un film quindi che poteva essere altro e che si ricorderà anche per una New York, New York dolente e sofferta cantata dalla Mulligan e per il corpo di Fassbender invidiato da noi maschietti e desiderato dal genere femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly