adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Hunger Games

lunedì 7 Maggio, 2012 | di Daniel Paone
Hunger Games
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Il futuro è vintage
Questa volta il jolly pescato dagli Studios è il bestseller The Hunger Games, scritto nel 2008 da Suzanne Collins e già venduto in 38 Paesi. Il compito di trasformare il primo capitolo della sua trilogia fantascientifica in una saga da milioni di fan, viene affidato a Gary Ross, forse non un maestro del genere ma di sicuro un campione d’incassi.

Il risultato, infatti, è che le casse della Warner Bross si iniziano a riempire, l’esordio negli States è da record, arrivano risposte di mercato positive da tutto il mondo.
Se l’operazione commerciale sembra partita bene, avallata dalla risposta degli adolescenti, chi più in là con gli anni ha qualche ragione in meno per essere entusiasta. È probabile che i ragazzi nati dopo il ’90 non abbiano mai visto Battle Royale e (forse) ricordino Schwarzenegger come governatore della California più che nelle vesti de L’implacabile. Stessa cosa vale per La decima vittima, Rollerball, Anno 2000: La corsa della morte, Contenders serie 7.
Hunger Games fa più o meno lo stesso effetto di quella fantascienza. Dei “settantaquattresimi giochi della fame” – che portano nella grande città di Capitol un concorrente per ognuno dei suoi 12 distretti poveri  (visti anche in In Time) – è come se conoscessimo già le 73 edizioni precedenti. La sensazione di un film d’altri tempi non è data solo dalla storia sceneggiata da Ross insieme alla Collins e Billy Ray. Hanno un sapore vintage le ambientazioni del mondo di Panem, le modeste scenografie di Capitol (per lo più interni), i suoi costumi e le colorate acconciature che ricordano piuttosto la disco music anni ’80. Ci si sarebbe aspettato molto di più anche dalla fotografia di Tom Stern.
Per il resto, pochi gli sviluppi tematici rispetto a un cinema che quarant’anni fa, pur realizzato con pochi mezzi, era quantomeno incisivo nel sottolineare le contraddizioni del proprio tempo. Di nuovo c’è solo il ruolo dell’eroe, ritagliato per una una giovane protagonista (Jennifer Lawrence) che, al contrario di quanto accade alle sue coetanee nei reality di oggi, finisce nel grande show per spirito di sacrificio e vince (quasi) esclusivamente grazie alle proprie abilità. Difficile, però, farne una piccola icona femminista; un eroe al maschile non avrebbe fatto differenza. La retorica e la morale che l’accompagnano fino allo scontato finale, seguono il classico copione pieno di buonismo hollywoodiano nell’occasione tarato per sedicenni tosti ma nobili di cuore. Senza voto i compagni di gioco come impalpabili risultano le presenze di Donald Sutherland, Lenny Kravitz e di un Woody Harrelson nascosto da una parrucca bionda.
Purtroppo neanche le suggestioni intorno al fatidico 2012 sembrano riuscire a regalarci scenari diversi da quelli conosciuti. Si ricalibra il tiro in modo da non sbagliare target, ma si va sull’usato sicuro. Per rivolgersi al pubblico (giovane) con una saga di puro intrattenimento meglio allora il roboante spettacolo digitale dei Transformers o le avventure dei supereroi Marvel che, se non altro, non mancano di stupirci con effetti speciali. Le distopie cinematografiche, così trattate, appaiono oggi fiacche, prevedibili e oramai datate. Sarebbe ora di lasciarle alle spalle ed esplorare altri mondi, i ragazzi (ma anche agli adulti) meriterebbero un “futuro” migliore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly