adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

I Mercenari 2

lunedì 20 Agosto, 2012 | di Mattia Filigoi
I Mercenari 2
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

L’insostenibile leggerezza dello staccare la portiera di una Smart con una mano
Le cose si mettono male per i mercenari di Stallone. Attaccati all’improvviso da una cinquantina di uomini armati più tank, si difendono come possono, ma le pallottole e i ripari stanno finendo. Poi, d’un tratto, l’inferno: una tempesta di piombo si abbatte sui cattivi, staccando arti e spappolando teste, mentre un rpg ferma definitivamente il tank. Che diavolo è successo? Chi diavolo è stato? Nel silenzio, in mezzo a decine di cadaveri e al carro armato in fiamme, compare Chuck Norris, gagliardo come non mai.

Questa, probabilmente, è la scena migliore de I mercenari 2, sgargiante tupperware per la raccolta e la conservazione di icone ormai canute di un tipo di cinema che da tempo ha perso il suo smalto, quell’action fracassone dalla dubbia moralità e dall’elevato tasso di esplosioni e frasi sborone, con trame del tutto idiote ma fottutamente esaltanti.
Stallone, Schwarzenegger, Lundgren, Van Damme, Willis, Norris, tanto per citare solo i veterani presenti in questo (ennesimo) patchwork di citazioni di un’epoca che fu. Perché a differenza del primo I mercenari – che quanto meno non si limitava a sparatorie ed esplosioni ma proseguiva un interessante discorso sul passare del tempo sviluppato da Stallone a partire da Rocky Balboa e John Rambo, ma già in nuce in cagate pazzesche come Driven o Shade – qui l’unico divertimento è beccare più citazioni possibili dei classici dell’action anni ‘80, molte facilmente riconoscibili, altre un pelo più hardcore (tipo Schwarzy, che compare urlando “sono tornato!” e in sottofondo le prime tre note di apertura del tema di Terminator). E, sempre rispetto al primo capitolo, si sente anche l’assenza di Sly dietro la macchina da presa, lasciata nelle mani del mestierante Simon West, presenza fantasmatica unicamente in grado di replicare sequenze viste altrove (Stallone abbatte un elicottero lanciandogli contro una moto: Willis e Len Wiseman lo avevano già fatto, e molto meglio, in Die Hard – Vivere o morire). Un filmetto, in definitiva, questo I mercenari 2, che senza le cariolate di star presenti, probabilmente sarebbe uscito tra qualche anno, straight-to-video. Detto questo, è anche vero che vedere Schwarzy staccare la portiera di una Smart con una mano (“qui dentro non mi ci stanno i piedi!”) quasi giustifica il prezzo del biglietto. Quasi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly