adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Magic Mike

lunedì 24 Settembre, 2012 | di Teresa Nannucci
Magic Mike
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Quando Ken incontra il lattice
Con la fine degli anni ’90 sembrava tramontato quel modello di bellezza maschile che univa Ken ai Californian Dream Men, lasciando finalmente spazio a qualche barbetta incolta e, in alcuni casi, a tratti somatici quasi androgini (basti pensare a Robert Pattinson).

Poi arriva Steven Soderbergh che, in collaborazione con un Channing Tatum primadonna e produttore, compone un mosaico filmico con bellezze muscolose e virili che di androgino mantengono solo le sopracciglia e i gridolini negli spogliatoi dei loro spettacoli. Nel ventaglio di uomini offerti dalla pellicola ce n’è per tutti i gusti: da McConaughey, texano e navigato, a Pettyfer, principiante con i mutandoni, dall’ispanico investigatore Rodriguez al modello Tarzan di Nash. Il regista cerca di iconizzare quei corpi tipicamente americani, correlati da balli hip hop (sicuramente la performance più convincente è di Tatum, memore di Step Up), Timberland ai piedi, lineamenti ma soprattutto mandibole decisamente pronunciati. Nell’atmosfera da Village People che circonda le prestazioni degli spogliarellisti, ci sono un paio di deboli tentativi di accordare un minimo di autorialità al film, entrambi non molto convincenti: mettere il vestito-icona di Marilyn addosso a Tatum non lo rende più aggraziato ed elegante (così come fargli indossare un paio di occhiali e una cravatta non lo rende più professionale); la canzone alla chitarra di McConaughey, più che ricordare il corpo nudo di Robin Wright nascosto dietro lo strumento in Forrest Gump, lo fa rimpiangere. Passando in rassegna un po’ tutti gli stereotipi americani sull’having good time e sul binomio sesso/droga, la trama resta pressoché ignorata dal pubblico: le inquadrature esterne al locale fungono da intermezzo tra uno spogliarello e il primo piano del tanga successivo. I tipici “buddies” dai corpi scolpiti riempiono tutto lo schermo e l’intero impianto del film, quasi a volersi riaffermare come una quindicina di anni fa. Ma il film non può essere solo questo: il regista è Soderbergh, lo stesso di Erin Brockovich e del dittico Che, non può aver costruito un’opera affidandosi solamente a primi piani di lati b. Deve esserci qualcosa rimasto nascosto, un significato che la semiotica da spogliarello ha inghiottito. Resta da capire quale fosse l’obiettivo ultimo di quest’apologia al fitness e al fisico da lungomare: l’istinto trova lo scopo nella stimolazione della libido femminile (esattamente come nel film), ma il testosterone dilagante delle due ore di pellicola (due ore, senza motivo) risulta irritante, un po’ come l’odore di dopobarba e sudore tipico delle discoteche affollate. Sarebbe, insomma, auspicabile che il senso del film sia solo rimasto incastrato negli ingranaggi della produzione.

Magic Mike [id., USA 2012] di Steven Soderbergh.
Con Channing Tatum, Alex Pettyfer, Matthew McConaughey, Olivia Munn.
Sceneggiatura di Reid Carolin, fotografia di Peter Andrews (a.k.a. Steven Soderbergh).
Commedia drammatica, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly