adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Un giorno devi andare

sabato 30 Marzo, 2013 | di Luca Giagnorio
Un giorno devi andare
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE GIORGIO DIRITTI
L’importante è partire
È doveroso riconoscere a Giorgio Diritti due qualità: la coerenza e il coraggio. Coerente nell’autentico interesse a raccontare di piccole comunità umane, ad analizzare sguardi, punti di vista e prospettive dell’“altro”, dello “straniero”, ad approfondire domande e sentimenti universali (il senso di comunità, la paura del diverso e dell’ignoto, la fede religiosa) partendo da piccole vicende individuali capaci tuttavia di farsi paradigma.

Coraggioso nel cimentarsi in un cinema asciutto, anti retorico, senza grandi mezzi, rifuggendo le ingessate logiche produttive italiane, lasciandosi condurre da uno sguardo curioso capace di spaziare oltre l’autoreferenzialità di gran parte della nostra cinematografia.mediacritica_un_giorno_devi_andare2a Tuttavia Un giorno devi andare delude le (alte) aspettative e si rivela film dalle ottime intenzioni ma non del tutto riuscito. La storia di Augusta, nel suo viaggio attraverso la foresta amazzonica, tra comunità di pescatori e poverissime favelas, è quella di una giovane donna ferita dalla vita che, in fuga dal passato e dal dolore, desidera conoscere un “nuovo mondo” per riconquistare una serenità perduta, per provare a (ri)trovare se stessa. Diritti non riesce però a donare profondità a una protagonista che rimane un personaggio solo abbozzato e scostante, per cui è difficile provare empatia. Così come si rivela narrativamente debole la storia parallela della madre di Augusta in Italia, e fin troppo didascalico il contraltare (anche visivo) tra gli spazi illimitati del Rio delle Amazzoni e le anguste vie della fredda cittadina italiana, tra la vitale e colorata comunità di Manaus e il microcosmo monocromatico e silenzioso del convento di suore. E le immagini delle maestose foreste e del placido fiume non raggiungono mai il rustico lirismo delle colline appenniniche de L’uomo che verrà.
Rimane invece notevole la sensibilità di Diritti nel raccontare la vita nelle favelas rifuggendo facili patetismi, e gli ambienti reali, i volti dei non attori, la morbida lingua portoghese, ci regalano un realismo che non è mai di repertorio. Ed è netto il contrasto tra la misera comunità brasiliana e i pur meritevoli volontari religiosi intenti all’opera di evangelizzazione e a progettare la costruzione di una chiesa nella foresta, astratte priorità in un mondo dove la ricerca del cibo quotidiano è la principale necessità. Tuttavia, al netto delle più pressanti istanze di sopravvivenza, in mezzo a rifiuti e a baracche fatiscenti, ecco che ancora resistono un senso di appartenenza a una stessa grande famiglia, una solidale e altruistica apertura verso il prossimo. E le chiuse, diffidenti, paurose comunità montanare de Il vento fa il suo giro non sono mai sembrate così lontane.

Un giorno devi andare [id., Italia/Francia 2013] REGIA Giorgio Diritti.
CAST Jasmine Trinca, Anne Alvaro, Sonia Gessner, Pia Engleberth.
SCENEGGIATURA G. Diritti, Fredo Valla, Tania Pedroni. FOTOGRAFIA Roberto Cimatti. MUSICHE Marco Biscarini, Daniele Furlati.
Drammatico, durata 109 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly