adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’uomo che visse nel futuro (1960)

sabato 13 Aprile, 2013 | di Filippo Zoratti
L’uomo che visse nel futuro (1960)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE MONDI SCONOSCIUTI
Viaggiare nel tempo, su una poltrona di velluto rosso
Dovessimo stilare un’ipotetica classifica delle bizzarrie fantascientifiche alle quali l’uomo vuole credere, probabilmente le prime tre posizioni sarebbero occupate dal teletrasporto, dall’immortalità e dal viaggio nel tempo. Cinematograficamente parlando, fra i tre l’espediente più duttile e più utilizzato è senza dubbio lo sconfinamento in epoche precedenti o successive alla nostra.

A ben pensarci, tutti i film ambientati nel futuro e nel passato sono viaggi nel tempo “impliciti” e – forzando un po’ la mano – “extradiegetici”, validi per lo spettatore che guarda anche se non per i protagonisti sullo schermo. Lo stesso vale per i prodotti distopici, che mostrano una società fittizia nella quale è in atto un’apocalisse distruttiva.mediacritica_l_uomo_che_visse_nel_futuro1a In questi salti temporali in avanti, siamo stati abituati ad una evoluzione mentale e fisica dei personaggi: chi governa il mondo – nel bene o nel male – è un genio evoluto e dominante, con a disposizione una tecnologia da urlo che nemmeno immaginiamo. Il capostipite L’uomo che visse nel futuro compie però una scelta diversa. Una volta costruita la stramba crononave (una poltrona di velluto con una manovella in quarzo!) che gli farà attraversare la quarta dimensione, lo scienziato George dribbla lo scetticismo degli imbalsamati amici e inizia il viaggio: 1917, 1940, 1966 (con le immagini di una terza devastante guerra mondiale che spazza via Londra), fino all’anno 802701. Avremo finalmente imparato a controllare gli elementi e noi stessi? La risposta sembra essere positiva: circondato da una natura “ubertosa” – dice George – l’uomo ora vive godendosi il sole e la libertà. Ma ciò che appare armonia in verità è semplice apatia: la popolazione degli Eloi è insensibile, curiosità e cortesia sono morte, l’umanità è ridotta ad un candido stato vegetale; nessuno lavora, nessuno sa scrivere. La civiltà è morta, e lo è soprattutto una volta scoperta l’entità dei cattivi che hanno soggiogato l’essere umano: i rozzi Morlocks, bestie cannibali dagli occhi infuocati che vivono sottoterra. Mutanti intelligentissimi? Macché, deboli e vulnerabili (alla luce del sole) animali che George facilmente sconfigge a suon di mazzate. Il messaggio del film, molto sfumato rispetto alle implicazioni socio-politiche del romanzo originario di H. G. Wells, guarda sì al progressismo e al socialismo, ma in realtà si ferma molto più in superficie: in un mondo governato da stolti e impolverati affaristi, probabili antenati degli sciroccati Eloi e dei bruti Morlocchi, l’unico savio che può salvarci tutti prima del disastro è George. Perché è uno scienziato e un luminare? No, semplicemente perché è ancora in grado di sognare.

L’uomo che visse nel futuro [The Time Machine, Gran Bretagna/USA 1960] REGIA George Pal.
CAST Rod Taylor, Alan Young, Yvette Mimieux, Sebastian Cabot.
SCENEGGIATURA David Duncan (tratta dal romanzo La macchina del tempo di H. G. Wells). FOTOGRAFIA Paul Vogel. MUSICHE Russell Garcia.
Avventura/Fantascienza, durata 103 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly