adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Solo Dio perdona

sabato 1 Giugno, 2013 | di Leonardo Cabrini
Solo Dio perdona
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE RYAN GOSLING
La dura vita degli autori
È un problema di ricezione. Finché la patina rosa di Drive garantiva il giusto compromesso tra violenza e coolness, la cinefilia italiana conferiva a Nicolas Winding Refn la patente di Autore. Un processo che continua ad avere una certa efficacia euristica, in barba alle vecchie polemiche strutturaliste, se non altro nei processi di costruzione del brand.

Pure l’inespressività di Ryan Gosling acquisiva, in quel caso, un appeal quasi eastwoodiano, e le scarse capacità attoriali (diciamolo una volta per tutte!) contribuivano alla costruzione di un pacchetto dall’immediata riconoscibilità.mediacritica_solo_dio_perdona3a Tutto chiacchiere e citazionismo, in fondo, di un prodotto che nulla di nuovo aveva da dire se non le solite derive pulp e le relative declinazioni da ironia postmoderna che tanto (troppo) siamo abituati a vedere. Il processo compiuto in Solo Dio perdona è più o meno il medesimo. Non più Friedkin e Mann, autori di riferimento in Drive, ma spaghetti western in salsa asiatica (ma non ne avevamo già sentito parlare?). Alla ricerca di una sublimazione totalizzante, Refn, qui, amplifica oltremisura le costanti stilistiche delle opere precedenti, costruendo un prodotto ancor più autoreferenziale. Tra luci rosse pervasive (specchio del daltonismo del cineasta) ed estenuanti ralenti, Solo Dio perdona si fa più ostico e irricevibile nell’anelito di un’astrazione sostanziale che risulta, però, vacua e di maniera. É Refn, qui anche sceneggiatore e autore del soggetto, che cerca di autoaffermarsi nella propria essenza demiurgica. E Gosling, immancabile feticcio, che ruolo gioca? Da irrinunciabile primo violino di un’orchestra mononota, il viso impassibile dell’attore si estende, indipendentemente dal carattere di personaggi e azioni, alla totalità degli interpreti, in un “Effetto-Kuleshov” tanto ridotto all’osso da risultare fallimentare. Dal rosa al rosso, un Drive al quadrato. Meno accomodante, meno cool, più ambizioso. Da Cannes, fischi in sala. Ma si sa, il pubblico prima ti venera poi ti manda alla gogna. È la dura vita degli Autori.

Solo Dio perdona [Only God Forgives, Danimarca/Francia 2013] REGIA Nicolas Winding Refn.
CAST Ryan Gosling, Kristin Scott Thomas, Vithaya Pansringarm, Tom Burke.
SCENEGGIATURA Nicolas Winding Refn. FOTOGRAFIA Larry Smith. MUSICHE Cliff Martinez.
Thriller, durata 90 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly