adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Inside Gola profonda (2005)

sabato 29 Marzo, 2014 | di Giulia Zen
Inside Gola profonda (2005)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

A PROPOSITO DI LINDA LOVELACE…
“Pensavo fosse solo uno dei peggiori film porno della Storia”
Gola profonda: un grottesco accostamento terminologico che viene rievocato ancora a quasi mezzo secolo di distanza e che soprattutto ha dato vita ad un vero e proprio genere cinematografico, per la prima volta anche narrativo, lanciato come porno-chic.

È proprio su questa scia di riflessioni che si focalizza l’interessante documentario del 2005 di Fenton Bailey e Randy Barbato, Inside Gola profonda. Agli albori degli anni Settanta il sesso è un tabù invalicabile. O almeno, così si credeva primo dell’arrivo di Linda Lovelace in tutto il suo splendore erotico. Gola profonda arriva come un fulmine a ciel sereno. E non solo perché diventerà uno dei film più redditizi della Storia del cinema:mediacritica_inside_gola_profonda prodotto con venticinquemila dollari, ne guadagna cento milioni tra sala e home video. Ma soprattutto per motivi storici, sociali e culturali: le teste paganti non corrispondono unicamente a quei “pervertiti” delle sale a luci rosse. Al contrario, le suddette sale si aprono ad un pubblico generalista, comprendente alta borghesia (Jackie Kennedy) e stelle del cinema (Jack Nicholson). Il porno, insomma, diventa un cibo mainstream. Cosa che chiama subito a rapporto le tenaglie della censura, le quali prendono acutamente come unico capro espiatorio l’involontario co-protagonista della pellicola, Harry Reems (che si salva dal carcere solo grazie alla successiva vittoria democratica). Processato in sei Stati, il film viene impietosamente perseguito dall’ala repubblicana benpensante (Nixon, Chiesa e compagnia bella), la quale non ammette che i dirty movies rientrino nelle discussioni da tavola da pranzo. Il problema principale non risiede tanto nel contenuto esplicito del film, ma nel fatto che per la prima volta esso sia unicamente diretto al sesso femminile, assolutamente ancora non contemplato. La Lovelace diventa l’idolo delle giovani donne ma soprattutto delle donne più agées sino a quel momento costrette, dall’ignoranza imposta, a ravvisare nell’erotismo una soddisfazione prettamente maschile. E mentre il governo americano processa un innocente esclusivamente per aver recitato in un film, dietro alla Plymouth Distributing – e a molte altre produzioni settantottine – altro non c’è che la mafia, di cui in Gola profonda fa le veci la famiglia Peirano. L’industria pornografica in quel momento certo non lesina in offerta (“Il sesso arriva ovunque”), soprattutto perché rappresenta la migliore vetrina artistica per diventare cosiddetti “filmmaker”. Seppur tramite modalità ingenue e a tratti linguisticamente banali, Inside Gola profonda tratta per la prima volta e in modo efficace una delle più interessanti storie di produzione cinematografica, concludendo l’analisi con un aspetto sinora sempre trascurato: il fatto che il porno iniziato come genere “di moda” (“Se il New York Times ci ha dedicato un articolo, varrà la pena vederlo”) e soprattutto artistico, sia oggi relegato al lato hardcore e perversionistico. Non è un caso, infatti, che i protagonisti del film siano scomparsi, disoccupati e al verde, nonostante abbiano dato vita ad un’industria che oggigiorno risulta tra le più floride in assoluto.

Inside Gola profonda [Inside Deep Throat, USA 2005] REGIA Fenton Bailey, Randy Barbato.
CAST Dennis Hopper (narratore), Gerard Damiano, Linda Lovelace, Harry Reems, John Waters.
SOGGETTO Fenton Bailey, Randy Barbato. FOTOGRAFIA David Kempner, Teodoro Maniaci. MUSICHE David Benjamin Steinberg.
Documentario, durata 89 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly