adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La bella scontrosa (1991)

sabato 31 Gennaio, 2015 | di Francesco Grieco
La bella scontrosa (1991)
Film History
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE PITTORI E PITTURA SU CELLULOIDE
La creatività in divenire
Da vedere nella versione integrale di quasi quattro ore, La bella scontrosa, che vinse il Gran Premio della Giuria a Cannes, è ispirato solo in parte a Il capolavoro sconosciuto di Balzac.

Tanto il racconto del grande scrittore è costruito principalmente su conversazioni sulla natura dell’arte, quanto nel film di Rivette, di grande ambizione e complessità, prevalgono le immagini. Di teatrale, invece, La bella scontrosa ha solo il meccanismo dell’entrare e uscire dei personaggi dalle porte delle stanze,mediacritica_la_bella_scontrosa1a ma senza frenesie lubitschiane, e lo scavo psicologico a cui sono sottoposti i protagonisti. A differenza del racconto di Balzac, qui la giovane modella, Marianne, ha un ruolo fondamentale e difficilmente lo spettatore può dimenticare la fisicità prorompente ma non volgare di Emmanuelle Béart, al massimo del suo splendore. E se i personaggi di Liz (Jane Birkin), Nicolas (Bursztein) occupano, tutto sommato, uno spazio abbastanza marginale, è per concentrarsi sul continuo, appassionante capovolgimento di ruoli tra l’anziano pittore in crisi Edouard Frenhofer (il solito, immenso Piccoli) e Marianne. All’iniziale titubanza di Marianne a posare nuda seguono i dubbi di Frenhofer, ma poi è proprio Marianne a convincerlo a continuare a ritrarla e a cercare di guadagnarsi il proprio spazio, mentre dentro di lei qualcosa cambia, soprattutto i sentimenti nei confronti del fidanzato Nicolas. Rivette limita la voce fuori campo, di Marianne, che parla di sé (ma di quale sé?) col distacco della terza persona, solo alle scene iniziali e finali. Usa poche didascalie, dunque l’artificio e la finzione passano in secondo piano rispetto al realismo, davvero definitivo, con cui è osservato il lavoro – nel senso di fatica – del pittore, l’invenzione creativa nel suo farsi. Le scene, lunghe ed emozionanti, con inquadrature dettagliate delle mani che operano sulla tela fanno perdere la consapevolezza del tempo a chi guarda il film, e non solo a Marianne, costretta a rimanere nella stessa posa per un’infinità di minuti. Film apparentemente contemplativo, ma anche molto concreto, considerando che la pittura è anche un’attività fisica, La bella scontrosa ama i tempi morti della vita. La ricerca rischiosissima della verità nell’arte, anche nei suoi aspetti più crudeli, non è solo l’obiettivo di Frenhofer, ma anche, com’è evidente, l’intento di Rivette, che più di una volta ha superato i limiti tradizionali di durata dei lungometraggi, per esigenze espressive personali. Un’integrità da ammirare, che ne fa, senza dubbio, uno dei registi più interessanti del cinema francese.

La bella scontrosa [La belle noiseuse, Francia 1991] REGIA Jacques Rivette.
CAST Michel Piccoli, Jane Birkin, Emmanuelle Béart, David Bursztein, Gilles Arbona.
SCENEGGIATURA Pascal Bonitzer, Christine Laurent, Jacques Rivette (tratta da Il capolavoro sconosciuto di Balzac). FOTOGRAFIA William Lubtchansky.
Drammatico, durata 238 minuti.

2 Comments

  1. The Imposter says:

    Ho appena letto della sua scomparsa… un grande regista, tutto sommato sottovalutato rispetto agli altri maestri della Nouvelle Vague.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly