adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La locanda della sesta felicità (1958)

sabato 29 Agosto, 2015 | di Gabriele Baldaccini
La locanda della sesta felicità (1958)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CENT’ANNI DI INGRID BERGMAN
C’è polpettone e polpettone
È forse proprio nella splendida marcia finale de La locanda della sesta felicità, eseguita da una compostissima – nonostante le peripezie affrontate – folla di bambini che intona Nick Nack Paddy Whack, che si manifesta in tutta la sua straordinaria presenza quella che è stata senza ombra di dubbio una delle più singolari ed eleganti attrici dell’intera storia del cinema.

È lei, Ingrid Bergman/Gladys Aylward, stanca, provata, sfinita da quella stessa marcia, ma allo stesso tempo orgogliosa di aver portato a termine una incredibile impresa: aver salvato cento bambini da morte sicura. Qualcuno ha definito La locanda della sesta felicità un polpettone intriso di buoni sentimenti, considerandolo quindi da una prospettiva prettamente morale.mediacritica_la_locanda_della_sesta_felicita_1 Ma l’errore sta forse in questo tipo di approccio: la grandiosità di questo film non è nel film stesso, in quello che vuole insegnarci e raccontarci, ma bensì nella capacità di fare di una attrice l’unico e vero fulcro di ogni evento e situazione. Il personaggio interpretato dalla Bergman è infatti emotivamente multi sfaccettato: trasmette la fede nelle proprie convinzioni nello stesso istante in cui ci comunica la sua profonda debolezza; si pone con un atteggiamento trasognato ma contemporaneamente sicuro e impavido; impara e si lascia guidare tanto quanto riesce a condurre con mano ferma e a dimostrare grande saggezza. È come se il trascorso delle interpretazioni tardo-neorealiste e premoderniste avesse effettivamente lasciato sul corpo della Bergman – di nuovo “hollywoodiana” – una patina tutta europea di autoconsapevolezza. La sicurezza con la quale l’attrice svedese tiene in piedi una figura simbolica di madre/figlia/sorella ha una modernità – per l’epoca e per quel tipo di produzione cinematografica – a tratti incredibile. La sostanza del film di Robson è dunque, alla fine, nelle sue intenzioni moraleggianti e nella sua dimensione di dramma forse a tratti un po’ patetico, completamente annientata dalla presenza della Bergman, un’attrice che sa dimostrare la sua fermezza attraverso l’interpretazione di un ruolo che ne contiene tanti altri. Proprio come il colonnello Lin Nan dice al mandarino dello Yang Cheng, “lei gioisce delle difficoltà. È una donna molto forte. Ma è anche gentile e fiduciosa”. Potremmo sostituire “donna” con “attrice” e il significato non cambierebbe. Ed ecco allora che ci torna improvvisamente l’appetito. E chi se ne frega se si tratta di un polpettone e magari pure riscaldato: la fame è tanta e la carne è decisamente buona.

La locanda della sesta felicità [The Inn of the Sixth Happiness, Gran Bretagna 1958] REGIA Mark Robson.
CAST Ingrid Bergman, Curd Jürgens, Robert Donat, Michael David, Athene Seyler.
SCENEGGIATURA Isobel Lennart. FOTOGRAFIA Freddie Young. MUSICHE Malcolm Arnold.
Drammatico, durata 158 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly