adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Destinazione Algeri (1945)

sabato 21 Novembre, 2015 | di Erasmo De Meo
Destinazione Algeri (1945)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE SULLE ORME DI SHERLOCK
Un viaggio ad orologeria
C’è una certa regola non scritta in tutto il cinema classico, in particolare quello statunitense o quello da esso derivato per forme e generi. La regola, facilmente riscontrabile da chiunque, è questa: l’introduzione, il lancio dell’opera, avviene con compiutezza nei primi 13-15 minuti, con una puntualità che esclude la casualità. In questo intervallo si presenta l’intero nucleo della trama con tutte le sue possibili strade, tutti i personaggi vengono delineati e assumono una funzione.

Superato il quarto d’ora tutti gli elementi base, i fili della più o meno elaborata trama, escono da quei primi minuti. Credo che la durata di questo “nucleo-gomitolo” non sia casuale ma rispecchi la durata media dei rulli di pellicola utilizzati sin dall’epoca del muto, che per spettatori e addetti ai lavori rappresentava l’unità temporale del cinema, come fosse la durata di un capitolo o di un pensiero in termini cinematografici.mediacritica_destinazione_algeri_290
Destinazione Algeri, in quanto dodicesima opera di una serie di quattordici film dedicati a Sherlock Holmes, molti dei quali affidati a Neill, un mestierante della regia, specializzato in opere mistery e thriller, rispetta in pieno tale formula. Anzi, in questo caso si può dire che il primo quarto d’ora sia il più interessante, quello in cui la trama è sostenuta con un buon ritmo, senza far ricorso a semplificazioni e a scene occupate più a elogiare-compiacere il personaggio di Sherlock Holmes, caricato di una superiorità ovvia e, scommetto per molti spettatori, non così tanto simpatica. Il caso affidatogli stavolta non è tanto investigativo quanto di scorta a Nikolas, re di una nazione immaginaria, la Rovinia. Lui e Watson dovranno tenerlo al riparo da possibili aggressioni e rapimenti sulla nave diretta ad Algeri. Secondo le impressioni, sapientemente suggerite, sembra che ognuno abbia a che fare con il “viaggiatore speciale” e gli occhi attenti di Sherlock vedono sospetti ovunque. Watson è continuamente raggirato e “usato” da Holmes per la buona riuscita delle sue trame, tant’è che risulta sempre ignaro e ingenuo, come la caratterizzazione classica vuole. Watson viene ad avere quel ruolo di insostituibile inferiorità che coincide con quello dello spettatore che vuole essere sorpreso con fascino e incredulità dalle gesta intellettuali di Sherlock che in questo caso inganna tutti, spettatori, collaboratori e malfattori, sostituendo il re con un uomo qualunque e trasformando Nikolas in un cameriere di sala, sempre allo scoperto ma estremamente protetto da una falsa identità. L’opera è piacevole ma spesso a senso unico. Nel mondo ad orologeria di Conan Doyle non sono però pochi gli elementi, soprattutto visivi e di montaggio che preparano a piccoli passi il mondo sopraffino del noir del decennio a venire.

Destinazione Algeri [Pursuit to Algiers, USA 1945] REGIA Roy William Neill.
CAST Basil Rathbone, Nigel Bruce, Marjorie Riordan, Martin Kosleck.
SCENEGGIATURA Leonard Lee. FOTOGRAFIA Paul Ivano. MUSICHE Edgar Fairchild.
Giallo, durata 65 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly