adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Gli ultimi fuochi (1976)

domenica 13 Marzo, 2016 | di Luca Giagnorio
Gli ultimi fuochi (1976)
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE BEHIND THE SCREEN
“Produrre ogni tanto un film di qualità che perde soldi è un atto di generosità”
C’è un’unica scena indimenticabile ne Gli ultimi fuochi: Robert De Niro, alias Monroe Stahr – gran mogul degli Studios nella Hollywood anni ’30 – spiega a uno sceneggiatore, che scrive script con troppi dialoghi, che cosa significa fare un film.

Mimando i movimenti dei tre personaggi all’interno di una stanza il produttore mostra come si debba intrattenere lo spettatore, guidarne lo sguardo, controllarne e plasmarne le emozioni, il tutto attraverso una serie di gesti e di azioni.mediacritica_ultimi_fuochi_290 È paradossale che questa lezione impartita all’interno del film sia disattesa nel corso del film stesso: Gli ultimi fuochi è infatti un mélo verboso, monotono nel ritmo, girato con stanchezza da Elia Kazan (subentrato all’ultimo a Mike Nichols). L’opera che conclude la filmografia del regista di celebri titoli che hanno segnato gli anni ’50 – Un tram che si chiama Desiderio, Fronte del porto, La valle dell’Eden – è un’occasione mancata: superficiale nell’affresco della Golden Age hollywoodiana totalmente dominata da produttori e divi (mentre i registi sono delegittimati e privati di qualunque autonomia creativa), e gli sceneggiatori, costretti a una concorrenza sleale gli uni con gli altri, sono sfruttati come fossero in una catena di montaggio (“credo che il cervello dello sceneggiatore mi appartenga” afferma Monroe Stahr senza ironia), il film non si risolleva nel raccontare la storia d’amore inutilmente melensa e priva di pathos tra Stahr, il cui potere e la cui ricchezza sono direttamente proporzionali al grado di solitudine, e la giovane donna estranea al mondo dello spettacolo della quale si innamora per la somiglianza con la moglie morta. Peccato anche per il sontuoso cast di supporto a De Niro – Robert Mitchum, produttore interessato solo al profitto; Jeanne Moreau, diva capricciosa; Tony Curtis, primattore comicamente superficiale; Jack Nicholson, sindacalista comunista – azzeccato sulla carta (il physique du rôle ce l’hanno tutti), ma soffocato in personaggi monodimensionali, nonostante la sceneggiatura sia firmata dal drammaturgo Harold Pinter. Gli ultimi fuochi ha il sapore di un film dal grande potenziale rimasto però incompiuto, così come incompiuto è il romanzo omonimo di Francis Scott Fitzgerald da cui è tratto: come la grandiosa villa a Malibu che Stahr sta facendo costruire, ancora priva di tetto e muri, simbolo del vuoto interiore che il personaggio tenta invano di riempire, è una sorta di set incompleto dove si spengono lentamente gli ultimi fuochi di quel falò delle vanità che è Hollywood.

Gli ultimi fuochi [The Last Tycoon, USA 1976] REGIA Elia Kazan.
CAST Robert De Niro, Tony Curtis, Robert Mitchum, Jeanne Moreau, Jack Nicholson.
SCENEGGIATURA Harold Pinter. FOTOGRAFIA Victor Kemper. MUSICHE Maurice Jarre.
Drammatico, durata 125 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly