adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

American Honey

sabato 25 Febbraio, 2017 | di Juri Saitta
American Honey
Inediti
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

America (quasi) senza sogni
Vincitore del Premio della Giuria al 69° Festival di Cannes, American Honey è il primo film statunitense della regista britannica Andrea Arnold, la quale cambia Paese ma non i punti centrali di parte del suo cinema. Qui infatti l’autrice, proprio come nel suo titolo più famoso (e più riuscito), Fish Tank, racconta la storia di un’adolescente che vive e cresce in un contesto desolato e sottoproletario.

La protagonista è Star, una teenager texana che scappa da una difficile situazione familiare per seguire alcuni ragazzi che girano gli States a vendere delle riviste porta a porta. Una comitiva guidata da una giovane donna che dirige il lavoro imbastendo regole severe e ideando particolari riti goliardici.mediacritica_american_honey_290 Pur concentrandosi particolarmente sull’emotività e la psicologia della sua “eroina” adolescente, l’opera non dimentica mai di delineare con estrema attenzione anche il contesto in cui si svolge la vicenda, ovvero l’America desolata e abbandonata della crisi economica, quell’America così impegnata a sopravvivere in un presente precario da aver (quasi) scordato di sognare e progettare un futuro migliore. Aspetti costantemente sottolineati e rappresentati da Star e dai “ragazzi perduti” che la circondano, dai squallidi motel e dagli appartamenti disordinati da loro attraversati, così come da alcuni dialoghi emblematici (vedi quello tra la teenager e il camionista). Figure e paesaggi che l’autrice − proprio come nei precedenti Wuthering Heights e Fish Tank − segue e descrive pedinando spesso i suoi personaggi e facendo ampio ricorso alla macchina a mano. Ma se negli altri due titoli tale modalità di ripresa era piuttosto misurata o comunque fortemente giustificata dal climax generale, in questo ultimo film non solo è troppo utilizzata, ma sembra essere inoltre meno motivata dal punto di vista narrativo, drammatico e semantico. Una linea formale che questa volta la cineasta non controlla a pieno, dunque, come evidenziano anche i diversi momenti morti e non necessari sparsi per tutto il film, che con le sue due ore e quaranta minuti di durata risulta eccessivamente lungo e, a tratti, persino dispersivo. Limiti che dimostrano quanto questa volta la Arnold si sia un po’ smarrita tra i personaggi e gli ambienti raccontati, in quella che probabilmente è la conseguenza del trasferimento dal contesto britannico a quello statunitense, forse meno conosciuto dalla cineasta. Elementi che non privano totalmente d’interesse il film, ma che lo rendono decisamente meno riuscito e compatto rispetto ai lavori precedenti della regista inglese. Insomma, un piccolo passo indietro per un’autrice che va comunque seguita.

American Honey [id., USA 2016] REGIA Andrea Arnold.
CAST Sasha Lane, Shia LaBeouf, McCoul Lombardi, Arielle Holmes, Crystal Ice.
SCENEGGIATURA Andrea Arnold. FOTOGRAFIA Robbie Ryan. MONTAGGIO Joe Bini.
Drammatico, durata 163 minuti.

One Comment

  1. Polis says:

    Film notevole, di grande impatto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly