adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Hollywood

venerdì 31 Luglio, 2020 | di Marta Corato
Hollywood
Serie TV
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Un revisionismo noioso

Nel corale Hollywood, creato da Ryan Murphy (Nip/Tuck, Glee, American Horror Story, Pose), l’accattivante mondo della Hollywood degli anni Quaranta è lo sfondo dei successi e delle sofferenze di un gruppo di attori, sceneggiatori e registi che stanno facendo fatica a sfondare, ciascuno a modo suo.

Chiunque abbia una passione per il cinema non vede l’ora di tuffarsi nella storia tormentata dello studio system e di tutte le sue malefatte. Hollywood presenta subito un mondo omofobo, sessista, razzista; i protagonisti sono squattrinati, maltrattati, e devono lottare con le unghie e con i denti per ogni opportunità. Ma presto c’è una svolta: i personaggi devono lottare per superare sessismo, razzismo, omofobia, sì, ma dopo un po’ si aprono le porte chiuse in faccia a chi c’era davvero, permettendogli di trovare successo. 

Nel clima politico del 2020, è ridondante dire che il modo in cui le barriere vengono abbattute in Hollywood sia tuttora un miraggio. Da un lato, c’è il piacere inenarrabile di una storia di trionfo in un mondo infame, ma, dall’altro lato, è praticamente impossibile mantenere la tensione narrativa, dopo che si è capito che questa miniserie vuole dare la sua “rivincita” a chiunque sia stato ostracizzato; superato un ostacolo iniziale, tutto andrà sempre bene. 

È anche piuttosto irritante il bizzarro sottotesto che fa da fondo a questi successi, ovvero che le persone marginalizzate lo siano perché non si sono impegnate abbastanza a spezzare le proprie catene. Spesso e volentieri, Hollywood toglie la colpa dall’oppressore e la mette nelle mani dell’oppresso che non ha lottato abbastanza. Nonostante lo spirito nobile che ha sicuramente guidato Ryan Murphy e la sua squadra, è offensivo che Rock Hudson venga presentato come uno zuccone a cui sarebbe bastato prendere un altro uomo per mano sul red carpet per non essere più closeted, e Anna May Wong come una che, se si fosse sbattuta, un altro progetto l’avrebbe trovato. È così che una miniserie potenzialmente eccezionale, su carta, diventa un prodotto noioso e, alla fine dei conti, trascurabile. Le sue inesattezze e licenze poetiche promuovono l’inclusione, ma al contempo diventano un detrimento, invece che una soddisfacente illusione.

La mancanza quasi totale di conflitto porta a una serie di personaggi totalmente vacua. A fare eccezione sono, non a caso, i protagonisti di una certa età, ovvero quelli che hanno delle cicatrici – l’attore fallito Ernie (Dylan McDermott), la casalinga riscoperta capo di una casa di produzione Avis (Patti LuPone), la bistrattata Anna May Wong (Michelle Krusiec), il tremendo agente Henry Willson (Jim Parsons). I valori di produzione stellari non controbilanciano una scrittura mediocre; con un budget illimitato e carta bianca da parte di Netflix, Ryan Murphy avrebbe potuto raccontare un po’ meglio il lato oscuro di Hollywood, e avere comunque il lieto fine di cui mai come adesso abbiamo bisogno. 

Hollywood [id., Stati Uniti, 2020] IDEATORI Ryan Murphy, Ian Brennan. CAST David Corenswet, Darren Criss, Laura Harrier, Joe Mantello, Dylan McDermott, Jake Picking, Jeremy Pope, Holland Taylor, Samara Weaving, Jim Parsons, Patti LuPone. Drammatico, durata 44–57 minuti (episodio).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly