adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Obaltan (1961)

venerdì 31 Luglio, 2020 | di Emanuele Rauco
Obaltan (1961)
Corea: film history
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Maschi sull’orlo di una crisi di nervi

È il Quarto potere del cinema sudcoreano, ossia il film convenzionalmente considerato il più grande nella storia cinematografica del paese: parlare di Obaltan, anche conosciuto con il titolo internazionale di Aimless Bullet o Stray Bullet, è quindi un’operazione critica che non può non tenere conto della reputazione e della Storia, ma che, proprio per questo, si presta a uno sguardo moderno, a cercare di capirne l’eredità e il rapporto con il presente.

Diretto nel 1961 da Yu Hyun-mok, Obaltan racconta di un gruppo di reduci della guerra di Corea (1950-53) e delle loro difficoltà a tornare a una vita normale, in particolare Cheolho e la sua disastrata famiglia, dal fratello, incapace di trovare una strada, alla madre, distrutta dai traumi della guerra.

Scritto da Lee Beom-seon, il film, tra il realismo di Vidor e l’espressionismo moderno di Kurosawa, segue la strada del dramma sociale, che sarà il marchio di fabbrica di Yu e che lo porterà a essere inviso ai produttori e, soprattutto, alle autorità militari che governavano la Corea del Sud, negli anni ’60 – lo stesso Obaltan sarà bannato dal governo e poi distribuito solo grazie all’intervento di un consulente statunitense.

Il contrasto tra le poche luci, le molte ombre e i neri quasi totali, abissali della fotografia di Kim Hak-seong serve a Yu per mettere in scena la crisi, infinita e senza orizzonte, di una società maschile costruita per gerarchie, in cui gli strascichi della guerra si riflettono sul governo e da questo ai cittadini, incapaci di pensare a un mondo in cui non debbano rispondere a qualcuno, in cui non debbano soddisfare le richieste – dirette, implicite o solo introiettate – di qualcuno: «Perché devo essere all’altezza di così tante cose?», si chiede disperato Cheolho, rivelando il senso profondo della riflessione del film.

Yu va a fondo nel descrivere convenzioni e costrutti sociali della propria contemporaneità ed è bravissimo a mettere in relazione i personaggi e gli oggetti, a dare una risonanza poetica al rapporto tra di essi, a sottolinearne la fallacia, la loro corruzione fisica e morale: il mal di denti che tormenta il protagonista, la zoppia che affligge il fratello Yeongho, le porte o i vetri rotti che costeggiano la storia, elementi che fanno di Obaltan una sorta di versione coreana de I migliori anni della nostra vita di Wyler, ma più oscura, secca, si potrebbe dire cinica. Sorprendente e memorabile, in questo senso, il finale: dopo un desolato viaggio, ottuso dal dolore ai denti e oberato dai sensi di colpa familiari, Cheolho dovrebbe andare a visitare in ospedale la moglie, che ha appena partorito, ma il taxi su cui è salito continua a viaggiare e lui non lo ferma, continua ad andare, senza meta o uno scopo. Una pallottola randagia, come dice il titolo. La fuga dal mondo può essere la soluzione a una parabola dolorosa? Si chiude con una domanda, con gli echi dell’irresolutezza, Obaltan, e qui sta, forse, la sua più grande forza.

Obaltan [Id., Corea del Sud 1961] REGIA Yu Hyun-mok. CAST Kim Jin-kyu, Choi Moo-ryong, Seo Ae-ja, Kim Hye-jeong.
SCENEGGIATURA Lee Beom-seon. FOTOGRAFIA Kim Hak-seong. MUSICHE Seong-tae Kim.
Drammatico, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly