adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mank

sabato 5 Dicembre, 2020 | di Maria Eleonora C. Mollard
Mank
Streaming
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

A che prezzo Hollywood?

Potrebbe essere liquidato come l’ennesimo ritratto di icona culturale che nessuno vorrebbe mai avere tra i piedi, ma Mank (Herman J. Mankiewicz, interpretato da Gary Oldman) è tanto, forse pure troppo, simile a ogni icona culturale che ci siamo divertiti a innalzare e poi ad abbattere quando iniziavano a romperci le scatole. Perché è il destino di ogni genio, la solitudine dei mostri, quella dei fantasmi citati da Albert Camus nel suo Caligola. E l’intellettuale, ormai “umile sceneggiatore” Mankiewicz è pieno di fantasmi tanto quanto il suo contraltare William Randolph Hearst, ispirazione non troppo velata del Quarto Potere del duo Mank/Welles.

In un’epoca in cui la parola “genio” sotto ogni post casuale è stata svuotata di significato, conosciamo Mank nel suo apogeo artistico e nel perigeo esistenziale; lo seguiamo per due ore, tra flashback e “presente”, correre a perdifiato verso il baratro, a occhi bendati, nella propria e solipsistica apocalisse personale. 

Mank, scritto nei primi anni ‘90 da Jack Fincher (padre di David), è un film che guarda dallo spioncino la Hollywood degli anni ‘30 e ‘40, la fonte d’ispirazione di Kenneth Anger, dei festini, di Errol Flynn che suona il piano col pene di fronte a una perplessa Marilyn Monroe; la Hollywood del passaggio tra muto e sonoro, degli scrittori disillusi e dei cinema svuotati per la Grande Depressione, della politica e dei biopic (Quarto Potere) non ufficiali e/o autorizzati, dell’anima venduta agli Studios, dell’alcolismo socialmente accettato, del senso di colpa e dei suicidi nell’incapacità di sostenere quegli stessi sensi di colpa.

Era impossibile parlare di Hollywood senza parlare dell’America, in questo caso l’America che segue tra il serio e il faceto la politica internazionale (quanto suona dolorosamente attuale la scena in cui si parla della follia di Hitler); l’America dove la più grande preoccupazione non sono gli ebrei (anzi loro sono l’industria culturale, la fabbrica dei sogni, e i gentili possono solo accompagnare), ma chiunque si discosti dal partito repubblicano (vedi Upton Sinclair) esercitando lo spirito critico e la logica, in un mondo caracollante verso la totale follia della Seconda Guerra Mondiale. 

La crisi economica affondava le sue radici in una crisi spirituale che il paese subiva da tempo, nell’auto-tradimento di un’intera generazione e dei suoi esponenti votati all’arte, nella continua e cieca ricerca di un sogno, invece di cercare la strada per la propria personale America.

Hollywood viene descritta come quel luogo dove l’energia creativa non era utilizzata ma soffocata: “Scriva tanto e miri in basso”, battuta geniale di John Houseman che, tristemente, potrebbe essere applicata al palinsesto della stessa Netflix (che in parte fa ammenda dando qui carta bianca a David Fincher) e alla bulimia di parole che siamo costretti a subire ovunque. Un passaggio che mi ha ricordato Heimat, quando a Paul, che cerca l’America come tanti altri (proprio negli anni della Depressione), viene chiesto da un altro tedesco il motivo della sua fuga: parla di Paul come degli altri immigrati come “parte di quell’energia che si andrà a disperdere nel paese della sedia elettrica”. 

Il dolcissimo leitmotiv, nella struttura a singhiozzi del film che ricalca Quarto Potere, è l’innocua ossessione di Mank per la figura del Chisciotte e della bella Dulcinea, in questo caso Marion Davis interpretata magnificamente da Amanda Seyfried. Esattamente come l’uomo della Mancha fa sulla brava Davis un transfert della sua innocenza perduta, caricandola di significati che lei non vuole (nessuno vorrebbe), una slitta umana, la rosabella (rosebud) di Hearst/Foster Kane.

Mank è la storia della storia, principalmente quella di uno sceneggiatore alcolizzato che, come l’altro genio americano Mark Twain, ha preferito comportarsi da pagliaccio consapevole di non essere del tutto in grado di cavalcare un periodo di continui cambiamenti (sociali e non solo), ma ancora capace di scrivere evocando emozioni personali. E chi lo fa oggi? 

Per dirla con Oscar Wilde, citato da Peter Bogdanovich nella sua introduzione a Il cinema secondo Orson Welles: “Il pubblico è stupendamente tollerante: perdona tutto, tranne il genio”. 

Mank [Stati Uniti 2020] REGIA David Fincher. CAST Gary Oldman, Amanda Seyfried, Lily Collins, Tom Pelphrey, Arliss Howard. SCENEGGIATURA Jack Fincher. FOTOGRAFIA Erik Messerschmidt. MUSICHE Trent Reznor, Atticus Ross. Drammatico/Biografico, durata 131 minuti.

4 Comments

  1. Cri says:

    Non vedo l’ora di vederlo! Almeno così giustifico l’abbonamento a Netflix

  2. David says:

    Maria,
    beautiful truthful insightful analysis of the film, the industry, the times and culture in which it was conceived, and the many intellectual, social, and cultural realities always influencing the spectacle.. I cherish your writing so much… thank you so much… David

    • Kaiser Franz says:

      Hi, David! Is Amanda still in love with me? Could you please ask her? I think I will give her another chance…

  3. Musico says:

    Visto finalmente! Un gran film “classico” che gioca con il suo pubblico di riferimento con finezze goduriose. Grandi interpreti e sceneggiatura di ferro. Una boccata d’aria fresca per Netflix!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly