adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Heimat (1984)

sabato 20 Febbraio, 2021 | di Maria Eleonora C. Mollard
Heimat (1984)
Film History
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Cronaca di una Germania perduta
«Ti rialzi per prendere il cappotto e andare a casa. Ti volti. Niente più cappotto. Niente più casa.»

In un silenzio sospeso, così inizia il Novecento, nella stessa atmosfera pregna di disagio che di solito ci accompagna alla fine di una festa, quando si diventa testimoni, involontariamente, della solitudine dell’ospite che deve sistemare il caos suo malgrado. L’immaginario villaggio di Schabbach è l’incubatrice delle promesse mancate del secolo precedente e dell’euforia ingiustificata della Belle Époque. Il trigger di una storia che coprirà la Storia della Germania è Paul Simon, di “ritorno” dalla Grande Guerra. 

Paul sembra l’involucro di una nazione che, mano a mano, andrà a riempirsi del vuoto negativo che porterà la Germania al nazismo. Passivo nell’affrontare la quotidianità di un luogo fermo nel tempo, Paul è una delle due facce del nuovo secolo, ma da perfetto contraltare c’è sua moglie, Maria, la grande protagonista del primo Heimat.

È qui che Edgar Reitz compie un vero miracolo, nel primo dei sette capitoli che compongono la versione cinematografica della prima parte della saga (undici sono invece gli episodi in cui è suddivisa questa prima parte, nella versione televisiva), un capitolo della durata di circa due ore, che delinea nell’arco temporale di nove anni un tableau deflagrante di un caleidoscopio umano multidimensionale. Nostalgia di terre lontane, il titolo in italiano di questo primo episodio, è una esperienza testurizzata che andrebbe vista e rivista per comprendere appieno non solo Heimat, ma tutta la disperazione esistenziale che spingerà Paul ad andare via, verso la terra degli -ismi, l’America.

Maria, così, diventa il ventre e l’incubatrice benevola di un’epoca che non vuole morire, vero elemento fisso di un mondo teso in avanti, perso in un bisogno febbricitante, e inutile, di correre verso un dirupo a braccia aperte; questa spinta motrice è rappresentata perfettamente da Paul che abbandonando moglie, figli e la placida Schabbach conferma di essere un disperso tra i vivi, un volto tra i volti della generazione perduta reduce dalla Prima Guerra Mondiale e dai suoi orrori interiorizzati e mai condivisi a casa. Se in America, nonostante la crisi economica e la depressione imminente, la gente viveva ancora, nella prima metà del Novecento, in un innocente edonismo, l’Europa sviluppava al meglio la propria vocazione verso la morte e Schabbach con lei.

Esce dunque in 4k l’operazione di restauro di Heimat per mano della Edgar Reitz Filmstiftung e prodotto da Ripley’s Home Video, ritrovando la sua versione originale di sette capitoli (presentata così sia a Monaco che a Venezia nel 1984) in lingua originale con i sottotitoli in italiano. Il lavoro che ha richiesto, quasi un decennio, è un atto d’amore verso la Storia e la storia di noi cinefili che, nel cinema, forse, abbiamo trovato un approdo. “Heimat” in molte lingue è un concetto intraducibile, così come l’opera di Edgar Reitz: è la patria, la casa, ma anche il bisogno di recidere il cordone ombelicale da un luogo sicuro, felice che, per vivere, deve rimanere nello spazio dei ricordi e della nostalgia. Perdersi, con la speranza che saremo ritrovati.

Heimat [id., Germania 1984] REGIA Edgar Reitz.
CAST Marita Breuer, Michael Lesch, Eva Maria Bayerwaltes, Gabriele Blum.

SCENEGGIATURA Edgar Reitz, Peter F. Steinbach.
FOTOGRAFIA Gernot Roll. MUSICHE Nikos Mamangakis.
Drammatico, durata 924 minuti.

One Comment

  1. Eric says:

    Capolavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly