adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’uomo che prende gli schiaffi

sabato 24 Luglio, 2021 | di Stefano Lalla
L’uomo che prende gli schiaffi
Premio Sergio Amidei
0
Facebooktwittermail

Ridi, pagliaccio!      
Lo scienziato Paul Beaumont (Lon Chaney) può finalmente dimostrare un’importante invenzione ma il suo amico, il Barone Regnard, trama di attribuirsi lo straordinario risultato. Nessuno crede a Beaumont che rivendica la paternità della scoperta e, per aggiungere la beffa al danno, viene schiaffeggiato dall’amico e deriso dall’uditorio accademico. Se la sua vita è un gioco crudele, lo sfortunato ricercatore sceglie di accettarne l’essenza consacrandosi al divertimento altrui. Decide di lavorare in un circo che lo accoglie a braccia aperte: il volto incipriato e un sorriso esasperato sono gli strumenti della sua nuova arte.

L’uomo che prende gli schiaffi è il secondo tra i film americani di Victor Sjöström, il grandissimo attore e regista svedese del Carretto fantasma che nei titoli compare anglicizzato in Victor Seastrom.

È anche il secondo adattamento cinematografico dell’opera teatrale di Leonid Andreyev – il primo, russo, risale al 1916 – e arriva quattro anni dopo l’omonimo musical di Broadway. Si tratta, quindi, di una storia russa filtrata dall’occhio personale di un autore scandinavo, ennesimo successo del melting pot statunitense, della massiccia presenza e influenza straniera che ha posto le fondamenta del grande cinema di Hollywood.

Fu il primo film interamente prodotto dalla neonata Metro-Goldwyn-Mayer ma non il primo a essere distribuito nelle sale. Grande successo commerciale nel periodo natalizio, la critica lodò l’interpretazione tragicomica di Lon Chaney, “l’uomo dalle mille facce” già celebre per il suo lavoro in L’uomo del miracolo e Il gobbo di Notre Dame. La messinscena grottesca di Paul Beaumont ripete fedelmente le circostanze del suo fallimento davanti ai membri dell’Accademia: egli tenta inutilmente di intavolare un discorso scientifico ma è ripetutamente interrotto dagli schiaffi degli altri clown e deriso dal pubblico, quello pagante e quello dei figuranti disposti a uditorio. Il cuore di pezza è quindi strappato dalla sua veste e sepolto nel terreno; segue il corteo funebre dei clown piangenti che, insieme al cadavere ammiccante di Paul, seppellisce anche quel poco che resta dei buoni sentimenti di un pubblico così straordinariamente crudele come solo il cinema muto ha saputo rappresentare. La messinscena si ripete finché l’ampio ghigno non diventa una parte essenziale di Paul; la sua disperata rappresentazione gli vale una celebrità tanto amara quanto inaspettata.

Il suo sorriso non è l’imposizione di uno sfregio, come accadrà al Gwynplaine di L’uomo che ride del 1928, ma una risata su se stessi e sul mondo, la disperata ambizione della vittima a godersi il divertimento del proprio stesso linciaggio. Qualcosa ancor si muove sotto la maschera autoimposta, un debole sentimento di rivalsa o forse la pretesa di poter essere ancora preso sul serio; Paul lo comprende quando vede tra il pubblico il traditore, Regnard, che ride all’unisono con gli altri. Il Barone desidera sposare Consuelo, la giovane cavallerizza circense, figlia di un nobile decaduto che è ben felice di combinare un matrimonio di convenienza, poco importa se contrario alla volontà della ragazza. L’amore per la giovane artista e l’opportunità di consumare fredda la propria vendetta sono i sentimenti che intorbidano la mente di Paul durante le sue messinscene grottesche.

Come già accaduto per Quasimodo del Gobbo di Notre Dame, anche Paul Beaumont, protagonista assoluto della narrazione, dovrà rassegnarsi a interpretare il ruolo di ausiliario nella storia d’amore a lui tristemente preclusa. Egli non potrà mai avere indietro la stima dell’Accademia delle scienze, ma potrebbe soddisfare quella sete di rivalsa appena risvegliatasi rimuovendo il proprio nemico personale e l’ostacolo paterno che divide Consuelo dal suo attraente collega, Bezano. La vendetta, tuttavia, lo condannerebbe definitivamente a un destino tragico.

  • Regia: Victor Sjöström
  • Soggetto: Leonid Andreyev
  • Sceneggiatura: Victor Sjöström, Carey Wilson
  • Fotografia: Milton Moore
  • Montaggio: Hugh Wynn
  • Scenografia: Cedric Gibbons
  • Costumi: Sophie Wachner
  • Musiche: William Axt
  • Produzione: Metro-Goldwyn-Mayer
  • Distribuzione: Metro-Goldwyn-Mayer
  • Origine: USA 1924
  • Titolo originale: He Who Gets Slapped
  • Durata: 95’
  • Premi: Boston Society of Film Critics Award (2014) Best Rediscoveries, National Film Preservation Board (2017), National Film Registry.
  • Interpreti: Lon Chaney (Paul Beaumont), Norma Shearer (Consuelo), John Gilbert (Bezano), Ruth King (Marie Beaumont), Marc McDermott (Barone Regnard), Ford Sterling (Tricaud), Tully Marshall (Conte Mancini) Leo il leone (il leone)         

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly