adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Da grande

sabato 2 Ottobre, 2021 | di Eleonora Degrassi
Da grande
TV
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

E alla fine arriva Cattelan

Chiamato a ringiovanire e rinnovare l’intrattenimento della tv pubblica, l’arrivo di Alessandro Cattelan in Rai era stato annunciato in pompa magna dal direttore di Rai 1 Stefano Coletta, che sperava di iniziare subito con grandi numeri a partire Da grande, due serate evento con un titolo che gioca su una delle domande che più fanno al conduttore: “cosa farai da grande?”

La risposta è che questo programma ha il sapore di un apripista, forse prima per l’Eurovision poi magari anche per Sanremo. Pippo Baudo all’età di Cattelan aveva già condotto il Festival, Fiorello il suo primo show sulla rete. Era giunto il momento di cambiare e chi poteva farlo meglio di Cattelan? Il suo stile ben preciso, fresco, leggero, con un linguaggio diverso e innovativo doveva attirare tutti i “giovani” che, finora, lo avevano seguito con grande entusiasmo su Sky, MTV e X Factor. 

I numeri delle due serate, però, non sono quelli sperati, anzi, sono proprio deludenti: la prima puntata fa 2.347.000 spettatori con il 12,67% di share (colpa della pallavolo?), la seconda e ultima 2.196.000 spettatori pari al 12% di share. Le critiche si sprecano, sia per il programma sia per le reazioni, con Cattelan tuttavia contento per essere stato sé stesso e aver avuto la libertà di esprimersi senza restrizioni. E in realtà, il risultato si vede: format, target, scrittura, gridano novità. La questione è chiara: se bisogna svecchiare la rete, si deve però modificare il metro di giudizio, non si può pensare ad una rivoluzione senza critiche, anche aspre. La Rai non è Sky, comfort zone di Cattelan, il pubblico della rete ammiraglia forse neppure lo conosce, lui parla ai e dei quarantenni, parla di sé. C’è dunque un errore di valutazione gigantesco: Cattelan ha fatto Cattelan, nulla di più, nulla di meno; Da grande è ciò che sa fare meglio. È un po’ show – canta, balla, conduce – un po’ talk, una riflessione sulla maturità e una rilassata, ironica disquisizione autoreferenziale. Tutto risente delle influenze della tv americana – vedi Jimmy Fellon – che ha formato il giovane conduttore di MTV. Cattelan si diverte, si fa bello del suo innegabile talento e in questo sta parte del suo gioco: dialoga con i grandi (Antonella Clerici, Carlo Conti, Paolo Bonolis) portandoli nella sua dimensione, con i cantanti (Elodie, Blanco, il Volo), con gli sportivi (Gianmarco Tamberi e Marcell Jacobs). Ripropone il suo EPCC, in versione scintillante e arricchita, ma il nucleo è quello: i suoi monologhi sono ben scritti, le interviste godibili. Ci sono errori ma non sempre share basso significa bassa qualità. Sperimentare, mettere in campo nuove idee vuol dire rischiare. Cattelan ha fatto questo e Da grande è un buon lavoro, di cui si sentiva la necessità in una tv di Stato poco originale e sempre uguale a sé stessa.

Da grande [Italia 2021] REGIA Cristian Biondani. PRESENTATORI Alessandro Cattelan. CANALE Rai 1. Show, durata 155 minuti (puntata).

3 Comments

  1. Moschio says:

    Tutto vero, ma aggiungo che forse, e dico forse, Cattelan doveva giocare in furbizia: sei alla RAI dagli “quello che vogliono” e poi, una volta che sei il nuovo Fiorello affossali con la TUA idea di tv. Non sto a sindacare sulla qualità del programma, troppo simile a tutto ciò che ha già fatto (bene) Cattelan, ma forse giocando sporco non saremmo qua a discutere sul suo “flop”. Ma ben venga “Da grande” rispetto ai soliti programmi stanchi e triti e ritriti di Carlo conti e co…

    • Alice says:

      Se l’avesse fatto, però, poi saremmo stati qui a criticarlo! Non si può rinnovare la Rai con un unico programma né basta diventare Fiorello per affossare il sistema. Ci vorrà molto tempo ancora prima di vedere un servizio pubblico esemplare e moderno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly