adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Uomini fuori posto. Il cinema di Nico D’Alessandria

martedì 5 Ottobre, 2021 | di Emanuele Di Nicola
Uomini fuori posto. Il cinema di Nico D’Alessandria
libri di cinema
0
Facebooktwittermail

Per non dimenticare Nico D’Alessandria

C’è sempre una Storia del cinema ufficiale e un’altra sotterranea, occulta, che scorre in modo carsico e per vari motivi non viene studiata né riconosciuta. Quando si parla di underground italiano, nel suo vero significato, ossia l’essere “clandestino”, spesso si punta il dito verso una direzione sbagliata: non lo era Claudio Caligari, che nei suoi tre film aveva comunque alle spalle una produzione – seppure accidentata -, e nei suoi non-film le produzioni gli sbattevano in faccia il rifiuto, perché troppo scomodo, troppo fuori dalla logica corrente. Il vero underground è stato Nico D’Alessandria. Regista di pochi film, come Caligari, ma realizzati “senza produzione”: prendeva i pochissimi soldi a disposizione, gli attori-amici, le sue fissazioni (i matti, la solitudine, lo smarrimento esistenziale) e girava le sue storie che sono essenzialmente tutto un grande girovagare, per le strade di Roma, un movimento vorticoso ma non centripeto, bensì casuale, anarchico, senza meta. La meta è se stessi.

Ecco perché un libro su Nico D’Alessandria oggi diventa particolarmente importante: lo ha scritto Natasha Ceci, si chiama Uomini fuori posto. Il cinema di Nico D’Alessandria (Digressioni Editore, 2021). E l’autrice, collaboratrice di Alias e Il Manifesto, l’ha scritto dannatamente bene: prima di tutto nella prosa, intesa come capacità di raccontare il cinema senza incartarsi né parlarsi addosso, ma in modo limpido, facendosi capire, “per tutti”. Poi come gesto di ricerca: perché di Nico D’Alessandria tutti conoscono L’Imperatore di Roma (1987), la storia dell’eroinomane Gerry Sperandini detto “caimano bianco”, che si aggira per la città “come un gattaccio del Colosseo”. Ma in pochi sanno cos’è il primo mediometraggio del regista, Passaggi del 1980, oppure l’ultimo, Regina Coeli del 1999, uno dei pochi film che descrive la vecchiaia in focalizzazione interna attraverso lo sguardo di una “vecchia”. E ancora prima la trasmissione radiofonica Rai di cui fu autore e regista, Processi mentali, nello stesso anno della legge Basaglia (1978) che implicitamente contesta, mostrandone i limiti. Tutto questo c’è nel libro di Ceci, che fa archeologia del cinema: da rabdomante va a cercare e trovare ciò che è nascosto, escluso anche dalle leggende che circondano D’Alessandria.

L’analisi critica è puntuale e avvincente, soprattutto nel fare chiarezza su alcuni confronti storici: come quello con il post-neorealismo o col cinema di Pasolini – vedi l’accostamento tra L’Imperatore e Accattone -, sottolineando poche assonanze e molte divergenze. Scrive Natasha Ceci: “D’Alessandria non è riconoscibile come autore dallo stile cristallizzato e per questo ancora più peculiare nell’intensità con cui costruisce le sue storie e pedina i suoi personaggi”. Il regista insomma “è un’isola tra le isole”.

Sempre in quest’ottica di riscoperta, il punto forte del libro sono le lettere: quelle che si scambiano Nico e Gerry Sperandini, rinchiuso in manicomio dopo l’inizio della lavorazione del film, aspettando l’uscita del caimano bianco per girare. Il carteggio è stato selezionato da Ceci e si può leggere qui per la prima volta. Così com’è, allo stato brado, senza punteggiatura. Come giusto che sia. Un esempio? La lettera di Gerry del 13 luglio 1985: “Caro Nico, qui mi sento bene e non vedo l’ora che mi scarcerino così potremmo girare il film bellissimo (…). purtroppo una volta ripresi si lascia vedere che il posto è sporco perché quando uno sta bene incomincia a vedere le cose sbagliate e per certo non è un piacere stare in cella con degli ammalati gravi psichicamente e ognuno di loro soffre di qualche malattia al cervello. Io invece sono un tossicomane e che ci sto a fare qui in mezzo a tutti questi matti”. Ecco cosa s’intende per archeologia. Per ricordare (bene) Nico D’Alessandria e i suoi disperati.

  • Uomini fuori posto. Il cinema di Nico D’Alessandria.
  • AUTRICE: Natasha Ceci.
  • EDITORE: Digressioni Editore. ANNO: 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly