adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Velvet Underground

sabato 23 Ottobre, 2021 | di Maria Eleonora C. Mollard
The Velvet Underground
Streaming
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

La musica ti restituiva il tuo stesso battito, e ti permetteva di sognare. La gente doveva solo morire per la musica. Tanto muoiono per qualsiasi altra cosa, perché non per la musica? Muori per lei. (Lou Reed, Please Kill Me)

Presentato al Festival di Cannes e da poco più di una settimana nella disabitata piattaforma (almeno in Italia) di Apple TV+, The Velvet Underground è il primo documentario di Todd Haynes su uno dei gruppi alternativi più importanti nella la storia della musica.

Il regista non è nuovo a scorribande musicali: dai Carpenter a Bob Dylan passando per il meraviglioso Velvet Goldmine, un divertissement liberamente basato sulle figure di David Bowie e Iggy Pop e l’epoca del proto-glam rock. Suoi si rivelano anche i Velvet Underground, e chi conosce la loro musica sa che è materiale infiammabile.

L’operazione di Haynes pare somigliare a una ghost track della discografia del gruppo newyorchese, un modo per nulla semplice di presentare la band, il documentario sembra costruito per gli aficionados col rischio di annoiare tutti gli altri. Il suo unico difetto, forse, è che questo genere di omaggio verrebbe esperito meglio a puntate perché le due ore non si limitano alla storia del gruppo e al suo scioglimento, quanto a tutto l’ambiente di artisti che ne gravitavano attorno e all’incubatrice culturale che ha dato vita al loro sound. I cinefili singhiozzeranno alla visione di Jonas Mekas, e i lettori di Mojo si esalteranno tra le parole di La Monte Young, Jonathan Richman e Danny Fields, “personaggi usciti da un film di Fellini” che raccontano il maelstrom meraviglioso che era New York negli anni ‘60 dove tutti influenzavano tutti e, inconsapevolmente, davano il via a una delle stagioni culturali più interessanti della storia americana (e non solo). The Velvet Underground nella grazia stilistica ricorda l’equivalente cinematografico della Bibbia punk Please Kill Me, che non è altro che il testamento orale dei superstiti della scena artistica, sapientemente raccolto da Legs McNeil e Gillian McCain: dal proto-punk dei Velvet Underground fino alla morte di Sid Vicious citando Nevermind.

Il documentario non si concentra tanto sui pettegolezzi dell’epoca, sull’estromissione di John Cale, la megalomania di Lou Reed o il dimenticare qual era stato il motore che aveva spinto questi artisti a collaborare. Tutto ruota su come la band riesce a creare musicalmente ciò che Andy Warhol creava visivamente. Ma è anche un omaggio a New York e a un decennio che Todd Haynes non guarda con cancerogena nostalgia. Gli anni ‘60 non sono stati un abbaglio, i Velvet Underground hanno fatto davvero da canalizzatore per tutta la rabbia, il disagio e le pulsioni di un’intera generazione che non ingollava le soluzioni a buon mercato dei sixties, tra fratellanza simulata e copie sdrucite dell’I Ching. Le sottoculture, la tristezza, il disincanto dei figli cresciuti col terrore dell’atomica sarebbero esplosi un decennio dopo. I Velvet Underground sono stati un manifesto generazionale, una dolorosa lapide in marmo con su scritto ‘sogno americano’ e una musica che racconta l’apocalisse, la nostra piccola apocalisse personale.

Forse sono io che dovrei morire. In fondo, tutti i grandi del blues sono morti. Ma la vita va meglio, oggi. Io non voglio morire. Giusto? (Lou Reed)

  • The Velvet Underground [id., USA, 2021]
  • REGIA Todd Haynes
  • CAST John Cale, Maureen Tucker, Danny Fields, Jonathan Richman.
  • SCENEGGIATURA Todd Haynes.
  • FOTOGRAFIA Edward Lachman.
  • MUSICHE The Velvet Underground.
  • Documentario, durata 121 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly