adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Necessary Life of Frances Ha: il cuore è un turista solitario

mercoledì 20 Febbraio, 2013 | di Chiara Bruno
The Necessary Life of Frances Ha: il cuore è un turista solitario
Editoriale
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Prologo apologetico: ognuno ha i suoi motivi.
Quali colpevoli passioni o dogmatiche verità muovano il tuo passo verso un luogo climaticamente ostile e umanamente stipato, un labirinto di immagini attraenti o scostanti che ti logorerà inevitabilmente la suola delle scarpe lasciandoti con le estremità ibernate e il cuore (o il cervello, c’è chi va di cervello e un po’ ne invidiamo l’ineccepibile punto di vista) scongelato, è fatto privato e impassibile di giudizio.

Confessione: mi sono bruciata un paio di guanti (prima una mano, quindi l’altra: neppure la soddisfazione di un fuoco simultaneo e semiriscaldante) aspettando Frances Ha. L’ho aspettata con l’ansia di chi siede sullo sgabello pericolante di un sito turistico e poi tende la mano – umida e tremante – al ritrattista di strada che ti consegnerà il suo sguardo sui nei che ti porti in faccia da tutta la vita.mediacritica_frances_ha
Infastidita dalle fughe onirico/elettriche di Shia LaBeouf nell’on the road al neon sulla morte necessaria di Charlie Countryman (sempre bravissimo, ma del tutto innecessario, marionetta irrigidita in una maratona pleonastica su orme scavate da altri), provata dalla duplice macchina (da presa e automobile) che contiene le fughe da fermi (logorroiche, petulanti e testamentarie, polemiche e tragicomicamente immedesimabili) di Jesse e Céline in Before Midnight (perché dopo l’alba e il tramonto c’è la litigiosa consuetudine della sera che scende bucherellando il sipario senza strapparlo mai), ho cercato autoindulgente conforto nella fuga centripeta eppure spericolata di Greta Gerwig.
Premessa innecessaria: chi scrive ama Greta Gerwig, la considera un corpo estraneo in pregevole equilibrio tra la malinconica comprensione della differenza e l’entusiastica insubordinazione alla vita. Insomma, una sorta di alieno/specchio, abbastanza inopportuno da disturbare e talmente schietto da incidere solchi squilibrati nella più granitica incarnazione umana del buon senso.
Diretta da Noah Baumbach in un film che corre sulle corde dignitosamente critiche dell’autobiografia, circumnaviga la sua inadeguatezza e balla al ritmo di un sogno testardo ma diluito in agrodolce far nulla. Calpesta i pavimenti con i piedi nudi di chi (non) ha imparato a camminare sul vetro, si stringe nelle braccia abbracciando il senso dell’insuccesso eppure persevera. “Mi piacciono cose che sembrano errori”, dice, e proprio l’errore (e il suo sempiterno errare per città di cui vedi di sfuggita i marciapiedi) è il grande successo di Frances Ha. Un road movie senz’altra mappa che la geografia della naturalezza, e al contempo un’opera scrittissima che non concede il lusso dell’improvvisazione – perché è pur sempre la carrellata di un’esistenza reale. Che procede a ritmo di musica truffautiana (con concessioni puntuali ed energizzanti a David Bowie), stiracchiandosi le gambe a testa in giù come una bambina che insiste a fare la candela in un mondo che ti giudica dall’alto in basso. Incontrollabile e incontenibile, portatrice sana talvolta scottata di un inconcludente fervore gestuale e dialogico, Frances Ha ci riconcilia con le cesure inevitabili del nostro romanzo di formazione (tagliare il cognome troppo lungo: adattare la nostra misura allo standard di una cassetta delle lettere), ci rappacifica con l’ingenua, discontinua, incoerente insubordinazione delle nostre passioni.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly