adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La più grande costumista di tutti i tempi

sabato 7 Marzo, 2015 | di Sara Martin
La più grande costumista di tutti i tempi
Editoriale
1
Facebooktwittermail

Ormai è passata qualche settimana e se ne è parlato anche molto, ma Milena Canonero, che si è aggiudicata l’Oscar con i costumi di Grand Budapest Hotel, meriterebbe di essere conosciuta più a fondo per la sua straordinaria capacità di vestire i personaggi del cinema, facendo di loro delle icone di stile senza tempo.

La costumista, nata a Torino nel ’52, ha saputo più di chiunque altro esportare a Hollywood il sapere sartoriale italiano rendendo celebre lo stile iperrealista e facendo dell’abito un elemento portante della scena. Con Kubrick, in Inghilterra, impara fin da giovanissima a dedicare la sua attenzione al dettaglio, a studiare con precisione ogni bottone,mediacritica_milena_canonero ogni cucitura, ogni stoffa. Impara lo spirito della perfezione e questo impegno ossessivo la ripaga presto. Il suo primo film come costumista è Arancia Meccanica (1971), dove mescola sapientemente l’ultramoderno con lo stile revival neobarocco inglese (detto edoardiano) e ottiene un risultato pop di grande impatto visivo. Poi con Kubrick si aggiudica l’Oscar per il film in costume Barry Lyndon (1975), dove – come faceva Piero Tosi con Visconti – si serve direttamente di abiti originali settecenteschi e li adatta alle necessità della macchina da presa. Una seconda statuetta se la aggiudica con Momenti di Gloria di Hudson nel 1981 e in quegli anni anche Coppola si lascia ammaliare dallo stile degli abiti della Canonero per Cotton Club (1984) dove ricostruisce l’abbigliamento tipico degli anni Venti degli abitanti di Harlem, per Tucker ? Un uomo e il suo sogno (1988) e per Il Padrino – Parte III (1990).
Con La mia Africa (1985) di Pollack elabora lo stile dei coloni europei in Kenya e contribuisce a costruire un mito nel personaggio interpretato da un’indimenticabile Meryl Streep. Sempre negli anni ’80 firma i costumi della serie televisiva più fashion della storia della televisione, Miami Vice, dove i colori pastello indossati dai due protagonisti influenzeranno l’intero universo della moda (nello stesso periodo la Canonero disegna anche una collezione di abiti maschili destinati al mercato e si aggiudica il premio Coty). Nel ’90 realizza il tripudio di colori nel film Dick Tracy di Warren Beatty e continua a lavorare infaticabile con registi come Stuart Cooper, Alan Parker, Norman Jewison, Louis Malle, Charles Shyer e Tony Scott.
Nel 2006 con Marie Antoinette della Coppola arriva la sua terza statuetta. Il film è la quintessenza dell’arte del vestire e la Canonero mescola, come mai era successo prima, lo sfarzo di Luigi XIV con gli elementi simbolo della cultura pop contemporanea (indimenticabili le Converse nascoste fra decine di scarpe d’epoca nel guardaroba di Maria Antonietta). Poi arriva Wes Anderson, e l’unione fra i due artisti è la perfezione. Con Le avventure acquatiche di Steve Zissou la Canonero manda in crisi i fan del regista che cercano dentro e fuori dal web di trovare il modo di entrare in possesso della divisa di Steve Zissou e del suo gruppo (le Adidas Zissou sono diventate un oggetto di culto). Oggetti (le valigie Louis Vuitton) e abiti (perlopiù magnifici completi Armani) in Il treno per il Darjeeling si adattano ed enfatizzano il perfezionismo maniacale del regista e infine l’apice del sodalizio Canonero-Anderson è raggiunto con l’ultimo lavoro, Grand Budapest Hotel, dove la costumista si ispira Gustav Klimt e alla figura di Peggy Guggenheim per vestire la vecchia miliardaria motore del racconto. Con e grazie al sodalizio con Wes Anderson, Milena Canonero può forse definirsi la più grande star del costume cinematografico di tutti i tempi.

One Comment

  1. M.C. says:

    L’abito non farà il monaco, ma di sicuro quelli della Canonero fanno il film. Bellissimo pezzo su una componente delle produzioni cinematografiche che viene citata troppo poco spesso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly