adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Showgirls (1995)

sabato 25 marzo, 2017 | di Francesco Grieco
Showgirls (1995)
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE PAUL VERHOEVEN
Pelle di serpente
Showgirls non merita di essere giudicato con la severità che la critica ha dimostrato nei suoi confronti, al momento della sua uscita. Divenuto negli anni un successo in home video, può essere ormai considerato un film di culto, tra il camp e il guilty pleasure.

Oggi che, giustamente, tutti osannano Verhoeven per Elle, può sorprendere scoprire il grande apprezzamento per Showgirls espresso da cineasti raffinati come Luca Guadagnino, Jacques Rivette e Mia Hansen-Løve (che, come ricorda Adam Nayman nel suo libro It doesn’t suck – Showgirls, interamente dedicato al film, ha esplicitamente omaggiato Showgirls nella sceneggiatura del suo bellissimo Eden).mediacritica_showgirls_290 Nel 2011 Showgirls, in cui non mancano l’umorismo e la satira sociopolitica tipici di Verhoeven, ha ricevuto addirittura l’onore di una parodia, Showgirls 2 – Pennies from Heaven di Rena Riffel. Olivier Père lo ha definito il film più europeo di Verhoeven, tra quelli girati negli Stati Uniti, per lo stile “grottesco” e “iperbolico”, che risulta più inquietante in un contesto non fantascientifico, e gli intenti di critica, lo smascheramento dell’illusione del sogno americano. Che Verhoeven sia un autore a tutti gli effetti, lo dimostrano i film che ha realizzato in Olanda, tra cui il fondamentale e scandaloso Spetters, che anticipa Showgirls nel ritratto di un personaggio femminile furbo, disinibito e determinato. Nel cinema del regista olandese, lo stile è sempre funzione del contenuto e non mero formalismo. Perciò, non bisogna aspettarsi di ritrovare in tutti i suoi film i movimenti di macchina spettacolari di cui è pieno Showgirls, nato come omaggio ai musical MGM: l’uso frequente della steadicam e la tridimensionalità dei travelling, nei pianisequenza che esplorano in profondità gli spazi di una Las Vegas mai così squallida, dove i corpi si fanno merce e sesso, soldi, violenza dominano incontrastati. In questo inferno boschiano di luci al neon, si aggira l’irascibile orfana (come la Tramell di Basic Instinct) Polly Ann, dal passato oscuro e traumatico, seducente con i suoi persecutori, analogamente a tante altre donne ambigue dei film di Verhoeven. Bambola sovreccitata e priva di spessore, che agisce per istinti primordiali come tutte le figure che la circondano, e, come molti dei protagonisti delle opere di Verhoeven, ha come unico scopo la sopravvivenza, a tutti i costi, con tutti i mezzi possibili. Una proletaria dell’arrapo, con l’avidità da piccolo-borghese e il cinismo della puttana. Una Alex Owens (anche Flashdance era scritto da Eszterhas) catapultata in un All About Evil lussurioso e saffico come un film di Russ Meyer, sboccato come una commedia di Eddie Murphy, volgare come un video di Madonna, crudele e colorato come uno Scarpette rosse macchiato di mestruo, sperma e ketchup.

Showgirls [id., USA 1995] REGIA Paul Verhoeven.
CAST Elizabeth Berkley, Kyle MacLachlan, Gina Gershon, Glenn Plummer.
SCENEGGIATURA Joe Eszterhas. FOTOGRAFIA Jost Vacano. MUSICHE Dave Stewart.
Drammatico, durata 122 minuti.

Showgirls (1995)
3.14 7 62.86%

2 Comments

  1. Geeez says:

    Mi ricordo di Showgirls! Avevo 12 anni quando uscì al cinema, e ricordo anche quanto è stato massacrato all’epoca. Però scopro solo ora che il regista è quello di Robocop e Atto di forza… un motivo in più per recuperarlo

  2. francesco says:

    Non poteva mancare un mio commento a questa recensione! Concordo su tutto! E per chi continua a parlare di flop commerciale, “Showgirls” è andato male in sala ma ora è uno dei 10 film di maggior incasso della storia della MGM.
    Quello che è andato male nel 1995 è stata la sua promozione che lo dipingeva come uno spaccato serio e profondo sulla società americana. Una critica lo è, ma sempre sopra le righe ed eccessiva e baracconesca. Come Las Vegas.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly