adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

L’appartamento

giovedì 26 Gennaio, 2012 | di Valentina Di Giacomo
L’appartamento
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

RaiMovie, giovedì 26 gennaio, ore 13.40

Il contrario di uno
Una metropoli, New York. Un appartamento, 67esima strada, ovest, a cento metri da Central Park. Una racchetta da tennis come scolapiatti, e uno specchietto rotto, in borsetta. Due personaggi, C.C Buxter (Lemmon) e Fran Kubelik (MacLaine), malinconici e soli. Vite inchiodate all’uno. Il numero dell’individualismo moderno, della solitudine della vita contemporanea.

Di quella di Baxter, sappiamo che è impiegato presso una grande compagnia di assicurazioni, la “Consolidated Life”, nel ramo statistiche. Che cena solo, ogni sera, davanti alla tv, dopo aver  rassettato casa. Che si sente come Robinson Crusoe, come un naufrago tra otto milioni di persone, nella New York del 1960. Un’isola deserta, la Manhattan di  Wilder ne L’appartamento, in cui i verticalismi e le profondità di campo incombono prepotentemente. Accanto all’insistenza sul numero di piani della sede della compagnia, sono soprattutto le scene ambientate nella affollatissima sala degli impiegati (per le quali lo scenografo Trauner adottò la stessa soluzione prospettica pensata, trent’anni prima, da Vidor per il suo La folla, film dal quale lo stesso Wilder dichiara di aver tratto ispirazione) a produrre un brutale appiattimento della vita delle persone.

E quella di Buxter, come tante altre, si limita alla sfera lavorativa, unica presunta fonte di appagamento e soddisfazione personale. Condizione che lo induce ad escogitare un metodo piuttosto singolare per fare carriera:  decide di prestare il suo appartamento come luogo per gli incontri exraconiugali ad alcuni dirigenti della “Consolidated”, così ottenendo il favore di questi ultimi, e la promessa di una promozione al ruolo di dirigente. Scalata sociale che inizia rapidamente, una volta garantita la disponibilità quasi esclusiva dell’appartamento al direttore generale, il signor Sheldrake (MacMurray), per i propri incontri clandestini con la signorina Fran Kubelik, sua giovane amante.

In quello stesso appartamento però, dopo uno dei tanti appuntamenti con Sheldrake, Fran cerca di togliersi la vita. In realtà, della sua solitudine, nel corso del film, abbiamo appreso poco.

Ne immaginiamo d’improvviso la portata, quando Wilder la esibisce,  riflessa, sulla superficie infranta dello specchietto che lei porta nella borsetta. Ne intuiamo la disperazione dal quel suo “Mi ci vedo come mi sento”. E per un attimo, sulle calibratissime immagini wilderiane, a prendere il sopravvento  è l’abisso della solitudine, mare che tuttavia non inghiotte definitivamente i due protagonisti. Naufraghi dell’esistenza, Fran e Buxter sono stretti da un’alleanza segreta, un filo doppio che, a loro insaputa, li tiene e non li lascia annegare.

Tanto che a distanza di più di cinquant’anni – maggio 1960, anno in cui L’appartamento ottenne 5 premi Oscar per miglior film, regia, sceneggiatura, montaggio e scenografia- il senso di quella frattura continua a dare spessore, ai dialoghi come ai personaggi.  A dare profondità e prospettiva alla disperazione del moderno self-made man americano, stranamente incompatibile con un certo tipo di isolamento tanto cercato, e fortemente a disagio con il cinismo ed il pragmatismo della vita moderna.

Magica miscela di ironia e sentimentalismo, allegria e tristezza, tra tutti i lavori di Wilder L’appartamento resta un film indimenticabile. Forse per quella impercettibile alchimia di sguardi conclusiva, complicità capace di gettare un ponte sull’oceano di solitudine che separa Fran e Buxter, due isole lontane, mondi a parte. Eppure legati.

Simbolicamente congiunti dallo spaghetto trattenuto nella griglia della racchetta-scolapiatti di Buxter, ricordo di una straordinaria -sebbene mai riuscita fino in fondo- serata a due.

Due come il contrario di uno, come l’opposto della solitudine. Due come avventura, come esperienza che accende di vita l’ altrimenti mera esistenza, e fa il verso alla morte. Due come partita a carte ancora tutta da giocare. Due come una cosa meravigliosa: un pranzo per due.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly