adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Mamma Mia! (2008)

mercoledì 6 Febbraio, 2013 | di Filippo Zoratti
Mamma Mia! (2008)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE MUSICAL, II PARTE
Canta che ti passa
La finalità primaria del musical americano è da sempre quella di materializzare i sogni di cui il pubblico ha bisogno, per dimenticare le ristrettezze del quotidiano. Obliare per un paio d’ore il presente dunque, liberare la mente e sciacquare i propri pensieri in ambientazioni lussuose/esotiche e in strepitose coreografie danzanti. Il discorso, che calzava a pennello negli anni ’30 della Grande Depressione, sembra trovare un senso anche per la nostra contemporaneità.

Il periodo di uscita in sala di Mamma Mia! coincise nel 2008 con i duelli Obama – McCain per la presidenza degli Usa. Quale miglior scacciapensieri di una serata al cinema, per una popolazione chiamata ad una decisione così importante? E quale miglior scelta di una frizzante commedia musicale girata nelle splendide isole greche di Skiathos e Skopelos,mediacritica_mamma_mia invece di un polveroso film sull’Iraq (The Hurt Locker di Miss Bigelow) o di un ansiogeno horror post-11 settembre (The Mist, da Stephen King)? La funzione socio-politica del musical non paia una forzatura, a maggior ragione dopo le affermazioni di Meryl Streep, che all’epoca dichiarò: “Quando mi hanno proposto Mamma Mia! stavo guardando la Bbc, ascoltando le brutte news cui siamo abituati da tempo. Sono balzata in piedi e mi sono detta: farò questo film e sarà divertente. Così è stato. Ora guardo al futuro più serenamente”. Ed eccolo allora, Mamma Mia!: un concentrato energico e pimpante di accattivanti canzoni melodiche (tutte degli Abba), incollate ad una trama leggera leggera che spesso si perde tra le righe durante la visione. La giovane Sophie (fresca, fotogenica e sorridente era ed é Amanda Seyfried) prima di sposarsi vuol conoscere il vero padre, e dalla lettura del diario della madre (la Streep) scopre che le alternative sono tre: il banchiere Colin Firth, il raffinato Brosnan e l’avventuriero Skarsgard. Li invita tutti alla cerimonia, confidando in un riconoscimento del genitore appena lo avrà davanti. Cosa che ovviamente non accade. Meryl Streep balla, salta e canta come una giovinetta in fiore (lasciando in chi guarda sensazioni di inquietudine e tenerezza per le sue innaturali evoluzioni), i brani musicali fioccano, il finale è placido e deliziosamente happy; tutto nell’opera dell’allora esordiente Phyllida Lloyd è euforico, necessariamente sopra le righe e palesemente finto, come gli sfondi taroccati che fanno da contraltare al reale mare greco. Questa pare una critica ma non lo è, perché a fine film i motivetti restano amabilmente in testa, il traguardo dell’allegria immotivata è raggiunto, la misteriosa simpatia della pellicola ci ha del tutto conquistati. E ci sentiamo pervasi da una ventata di serenità e ingiustificato ottimismo. Nonostante la depressione di cui sopra.

Mamma Mia! [Id., USA/Gran Bretagna 2008] REGIA Phyllida Lloyd.
CAST Meryl Streep, Amanda Seyfried, Pierce Brosnan, Colin Firth.
SCENEGGIATURA Catherine Johnson. FOTOGRAFIA Haris Zambarloukos. MUSICHE Stig Anderson, Benny Andersson, Björn Ulvaeus.
Commedia/Musicale, durata 108 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly