adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Éloge de l’amour (2001)

sabato 22 Novembre, 2014 | di Marco Longo
Éloge de l’amour (2001)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE JEAN-LUC GODARD
L’Amore, tra oblio e memoria
Metà in bianco e nero, metà a colori; metà pellicola 35 mm, metà video iper-saturato; metà ambientato a Parigi, al tempo presente, metà nella campagna bretone, come un lungo flashback improvviso: Éloge de l’amour è il film più perfettamente diviso di Jean-Luc Godard, forse il più pessimista nel tentativo di restituire la vanità di una ricerca, quella sul significato dell’amore, certo, ma soprattutto dell’amore nel suo rapporto con la Storia, della storia delle peripezie umane esplorata attraverso la lente dell’amore.

Scisso – nel suo travagliato iter produttivo – tra Novecento e nuovo millennio, Éloge de l’amour racconta di Edgar, giovane regista ricercatore che tenta, suo malgrado, di “divenire adulto” attraverso un film sulle quattro età del più celebrato dei sentimenti: l’incontro, la passione, la separazione, la riconciliazione. Davanti a lui,mediacritica_eloge_de_lamour1a i volti dei potenziali candidati attori e un taccuino che offre soltanto pagine bianche, in attesa del Verbo, cioè del principio: dietro di lui, un misterioso mecenate e i fantasmi di un secolo pericolosamente esposto al rischio dell’oblio. Colpa del tanto raccomandato dovere della memoria che, finché non è riconosciuta in quanto diritto, altro non è che un’impostura. Edgar tenta di convincere una giovane donna (che forse ha già incontrato) a partecipare al film, ma la donna scompare, in un suicidio appena accennato. Uno stacco, e tutto cambia: viaggio a ritroso nel tempo, due anni prima. Edgar, in cerca di testimonianze dirette sulla seconda guerra mondiale, si imbatte in una coppia di anziani partigiani della Resistenza francese e nella loro combattiva nipote (la stessa donna della prima parte), proprio nei giorni in cui i due sono divisi sulla possibilità di vendere i diritti della propria storia a una grande produzione cinematografica statunitense: Hollywood è il braccio armato del governo, e i film americani, “ladri di Storia”, sono l’avanguardia del commercio. Film nel film, pronto a ripiegarsi su se stesso, Éloge de l’amour altro non racconta che di un triplo ritorno: quello di Edgar al passato, quello di Godard alla Parigi vibrante e notturna della Nouvelle Vague, quello, ideale, alle età della lotta, con la sequenza lirica, sotto le note della musica de L’Atalante, dell’ormai abbandonata fabbrica Renault, ex fortezza operaia, simbolo del vuoto presente. “L’immagine, la sola capace di negare il nulla, è anche lo sguardo del nulla su di noi”. Alla fine della film, Edgar è ancora in ricerca: “Ecco come tutto svanisce nella mia storia, e non mi resta nulla se non le immagini di ciò che è passato così velocemente. Scenderò nei Campi Elisi con più ombre di quelle che un uomo, in tutta la sua vita, non abbia portato con sé”.

Éloge de l’amour [id., Francia/Svizzera 2001] REGIA Jean-Luc Godard.
CAST Bruno Putzulu, Cécile Camp, Jean Davy, Philippe Loyrette, Françoise Verny.
SCENEGGIATURA Jean-Luc Godard. FOTOGRAFIA Julien Hirsch, Christophe Pollock.
Drammatico, durata 97 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly