adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Wolfman (2010)

sabato 16 Maggio, 2015 | di Massimo Padoin
The Wolfman (2010)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE REBOOT
La bestia fuori
C’era una volta Un lupo mannaro americano a Londra in cui, dietro l’ironia di chi giocava con il genere inserendolo in un contesto metropolitano, il suo incipit prendeva inizio proprio da una modulazione di quell’atmosfera nebbiosa e notturna della solitaria brughiera inglese, da cui il mito del licantropo ha trovato posto nell’immaginario comune.

La matrice era ovviamente quella de L’uomo lupo, il classico della Universal targato 1941 e diretto da George Wagger. La nebbia avvolge la scena, le luci nascoste dietro la cortina fumogena e gli alberi ne esaltano l’estensione volumetrica, i boschi illuminati artificialmente così da simulare il chiarore della luna piena sul blu scuro del cielo e il senso fisico di un trucco artigianale che gradualmente, come per un’abominevole magia, copre il corpo di una mediacritica_the_wolfman_290mostruosa peluria fino ad estendersi sul volto tutto. L’uomo lupo iconograficamente nel nostro immaginario è questo, in particolar modo nel reboot/remake di Joe Johnston The Wolfman, prima ancora delle analogie narrative tra le due versioni, nella tragica vicenda di Lawrence Talbot rimasto contagiato dalla maledizione della licantropia. Storia e personaggi sono quasi inalterati, seppure sia dato maggior risalto al rapporto amoroso tra Lawrence e Gwen, e gli zingari non sono più i portatori della maledizione ma – nella nuova versione – d’iniziale capro espiatorio per la diffidente comunità di Blackmoor, traslando solo successivamente le colpe per generare un conflitto edipico tra padre e figlio. Il film di Joe Johnston si riconosce nell’originale in ciò che dicevamo in precedenza, si nutre dell’atmosfera che non è solo un richiamo al romanticismo gotico tipico delle produzioni orrorifiche classiche della Universal, diventate riconoscibili fin dalle prime realizzazioni firmate James Whale, ma paradigma di un horror che vive del contesto fotografico, costumistico e scenografico. The Wolfman in fondo rappresenta lo stesso tipo di operazione fatta poi per The Woman in Black (2012) dalla rinata Hammer, altra casa di produzione diventata storica grazie ai suoi paradigmi estetici, seppur con una diversa perizia artigianale e minor sentimento. Joe Johnston in fondo non ha fatto altro che realizzare il miglior compromesso possibile nella sua nuova reincarnazione dell’uomo lupo, tra il desiderio di realizzare un horror gustosamente imperniato della Golden Age hollywoodiana, e cedere alla fastidiosa necessità degli studios contemporanei di rendere il tutto il più appetibile, infarcendo la pellicola di un certo dinamismo che poco c’entra con il genere classico di riferimento. Gli anni dell’equilibrio tra rinnovamento e gusto cinefilo per la tradizione di John Landis e Coppola, con il suo Dracula, purtroppo sono passati, ma questo però non impedisce allo spettatore lo stesso d’immergersi in mezzo alle fitte nebbie – finte – dei boschi nella brughiera inglese. I luoghi in cui alberga davvero, nel nostro immaginario, la bestia.

The Wolfman [id., USA 2010] REGIA Joe Johnston.
CAST Benicio del Toro, Emily Blunt, Anthony Hopkins, Hugo Weaving.
SCENEGGIATURA David Self, Andrew Kevin Walker. FOTOGRAFIA Shelly Johnson. MUSICHE Danny Elfman.
Horror, durata 118 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly