adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il giardino delle parole

sabato 4 Luglio, 2015 | di Lisa Cecconi
Il giardino delle parole
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Piove, senti come piove
Il giardino delle parole è un film in cui si parla poco. Paradossalmente, a farla da padrone, è un’estetica fondata sull’immagine e sui suoni alternati della metropoli e della natura. I dialoghi non mancano, ma impallidiscono davanti alla potenza visiva dei disegni di Shinkai Makoto: un mondo ricchissimo di dettagli, reso vivo e pulsante da riflessi cangianti e movimenti impercettibili.

Attraverso questo stile di rara capacità espressiva, si dipana una storia lieve e profonda al tempo stesso: il legame tra due individui appartenenti a mondi distanti ma accomunati dalla solitudine. Takao, studente quindicenne che marina la scuola nei giorni di pioggia per esercitarsi nel design di calzature; Yukari, giovane donna che nasconde un segreto e trascorre le sue mattine al parco consolandosi con birra e mediacritica_giardino_parole_290cioccolata. Il primo, sempre distratto a sognare il futuro; la seconda, incastrata in un eterno passato che le impedisce di guardare avanti. La loro alcova è il gazebo nel parco, luogo magico e sospeso che riflette la malinconia dei personaggi nella natura rorida di pioggia. Una dimensione a parte, uno spazio interiore che esiste solo quando il tempo è cattivo e si trasfigura, nei giorni di sole, in un luogo qualunque e impersonale. Qui, Takao progetta scarpe per andare lontano, ma anche per offrire appoggio e sostegno, per proteggere il cammino di chi non sa più come procedere. Qui, Yukari ricomincia a vivere, come la natura che si rinnova, in un giardino allegoria dell’animo che luccica di lacrime e spiragli di speranza. A partire da pochi istanti significativi, Makoto evoca sconfinati universi interiori grazie a una tecnica in grado di sposare estrema poesia e accurato realismo. Lo studio del colore e il dinamismo del tratto concorrono all’effetto di un paesaggio vibrante di luce, sia quella pulviscolare e diffusa del giardino che quella scintillante delle insegne della metropoli. Alla perfezione minuziosa dell’immagine, l’autore di 5 centimetri al secondo e Viaggio verso Agartha accompagna la sensibilità di una storia affatto scontata, ricca di sfumature appena accennate eppure allusiva di situazioni di disagio radicate nella società: il pregiudizio, la difficile vita scolastica, il maschilismo degli ambienti professionali e l’inadeguatezza della scuola ad accogliere le reali potenzialità degli allievi. Una serie di tematiche che il mediometraggio può solo sfiorare e che, intelligentemente, si guarda bene dal voler ridurre a improbabili soluzioni di comodo. Il vero fulcro della vicenda sono piuttosto i sentimenti e il modo in cui questi condizionano la vita, aprendola a nuove ispirazioni o relegandola a un mero trascinarsi. Il risultato è un film riuscito, nella sintesi narrativa così come nella maestria stilistica, al punto di lasciarsi perdonare anche il finale tutto sommato stucchevole. La morale è presto detta: si può tornare a rivedere il Sole solo imparando ad amare la pioggia.

Il giardino delle parole [Kotonoha no niwa, Giappone 2013] REGIA Makoto Shinkai.
SCENEGGIATURA Makoto Shinkai. FOTOGRAFIA Makoto Shinkai. MUSICHE Motohiro Hata.
Animazione, durata 46 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly