adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La Top Ten Mediacritica 2020

giovedì 31 Dicembre, 2020 | di Redazione Mediacritica
La Top Ten Mediacritica 2020
Top Ten Mediacritica 2020
1
Facebooktwittermail

In quest’anno bisesto e funesto, il ragionamento sul cinema ha spesso in qualche modo messo in secondo piano “i film”, concentrandosi inevitabilmente, da un’ottica più generale e un po’ offuscata, sulle paure del presente e del futuro, e sulla constatazione delle nuove strade da poter e dover percorrere. Strade dalle destinazioni ancora opache, a partire dalla convivenza tra la sala e le visioni domestiche delle piattaforme, che certamente non è la novità che molti commentatori della domenica hanno urlato, né una cosa inevitabilmente dannosa per “l’andare al cinema”, ma che altrettanto certamente ha poco chiari i futuri rapporti di forza. Tra le varie ipotesi, nel caso volessimo giocare a Frate Indovino, possiamo ipotizzare il futuro della sala come luogo sempre più destinato a grandi eventi e ad un pubblico non di massa – ma neanche così ristretto – di appassionati o di affezionati alla fisicità del luogo e dell’uscire di tanto in tanto da casa, mentre le piattaforme potrebbero diventare il terreno preferito per il cinema statunitense d’autore, per gli esempi di minor richiamo commerciale dei generi cinematografici e per le cinematografie indipendenti che poco spazio trovano nella distribuzione tradizionale; probabilmente anche per i blockbuster e per il cinema mainstream, che però pare essere stato quello più bloccato nell’attesa degli eventi e, chissà, di una definitiva abitudine alle quattro mura e al divano da parte del grande pubblico. 

Sempre ovviamente prendendo tali suggestioni con le molle, il tradizionale appuntamento della top ten di Mediacritica potrebbe già suggerire queste tendenze. Scorrendo le singole classifiche dei redattori (meno numerose del solito, date le difficoltà di quest’anno particolare e la polverizzazione dell’offerta domestica di audiovisivi vecchi e inediti, di cinema e di altro, che offre mille possibilità di scelta non necessariamente legate all’attualità), si può, per esempio, notare la la varietà dell’offerta e delle possibilità di visione domestiche, mentre l’assenza di grandi blockbuster, sempre presenti nelle classifiche degli scorsi anni, testimonia lo stallo della grande industria.  Il serrato testa a testa nei primi posti ha visto lottare due film europei, rivolti perlopiù ad un pubblico di cultori, che hanno avuto la fortuna di trovare i loro spazi in sala, Undine – Un amore per sempre di Christian Petzold e l’arrabbiato realismo de I miserabili di Ladj Ly, con due opere americane distribuite sulle piattaforme: Diamanti grezzi dei fratelli Safdie come esempio di, schematizzando, cinema statunitense d’autore e l’ottimo horror L’uomo invisibile di Leigh Wannell, come esempio di approccio al genere che chissà quanta fortuna e spazio avrebbe trovato nelle sale in un anno normale. Dalle piattaforme ecco un altro grande regista a stelle e strisce, David Fincher con Mank, mentre High Life di Claire Denis, film del 2018 e in qualche modo, tra festival e altre maniere, già visto da buona parte del pubblico di riferimento, testimonia come certe tendenze della distribuzione nostrana non siano mutate. Roubaix, una luce nell’ombra di Arnaud Desplechin conferma l’affidabilità di autori affermati, e l’affezione nei loro confronti. Favolacce dei fratelli D’Innocenzo segna il ritorno nella top ten del cinema italiano, mentre Il lago delle oche selvatiche di Diao Yinan e Un lungo viaggio nella notte di Gan Bi testimoniano il fermento del nuovo cinema cinese. Insomma, nel disordine e nel caos, nella mestizia globale e nella polverizzazione dell’offerta e delle visioni, non sono mancati buoni film, né segnali di tendenze da tenere in conto, per non trovarsi impreparati o sorpresi. 

Consigliandovi queste visioni, Mediacritica vi augura un 2021 finalmente felice e di nuovo sereno, dentro la sala e fuori, per quanto riguarda il piacere del cinema e, ancor di più, per tutto il resto.

La Top Ten 2020 di ANDREA MOSCHIONI FIORETTI

1. I miserabili
2. Matthias & Maxime
3. Favolacce
4. Mank
5. Tenet
6. Il processo ai Chicago 7
7. L’immensità della notte
8. L’uomo invisibile
9. Cosa sarà
10. Jessica Forever

La Top Ten 2020 di EDOARDO PERETTI

1. Diamanti grezzi
2. Undine – Un amore per sempre
3. L’uomo invisibile
4. High Life
5. Wolfwalkers – Il popolo dei lupi
6. Il re di Staten Island
7. Ema
8. I miserabili
9. Roubaix, una luce nell’ombra
10. Il lago delle oche selvatiche

La Top Ten 2020 di ELEONORA DEGRASSI

1. Undine – Un amore per sempre
2. Favolacce
3. I miserabili
4. La vita nascosta – Hidden Life
5. Il lago delle oche selvatiche
6. Roubaix, una luce nell’ombra
7. Volevo nascondermi
8. High Life
9. Sorry We Missed You
10. Sound of Metal

La Top Ten 2020 di EMANUELE DI NICOLA

1. Undine – Un amore per sempre
2. I miserabili
3. Space Dogs
4. Roubaix, una luce nell’ombra
5. L’uomo invisibile
6. Sorry We Missed You
7. Mai raramente a volte sempre
8. On va tout péter
9. Diamanti grezzi
10. Sto pensando di finirla qui

La Top Ten 2020 di FRANCESCO GRIECO

  1. 1. Ne croyez surtout pas que je hurle
  2. 2. High Life
  3. 3. Un lungo viaggio nella notte
  4. 4. La vita nascosta – Hidden Life
  5. 5. Undine – Un amore per sempre
  6. 6. Labyrinth of Cinema
  7. 7. Seduçao da carne
  8. 8. Wolfwalkers – Il popolo dei lupi
  9. 9. Tenet
  10. 10. O processo

La Top Ten 2020 di GABRIELE BALDACCINI

1. Il lago delle oche selvatiche
2. High Life
3. L’uomo invisibile
4. Diamanti grezzi
5. Little Joe
6. Come to Daddy
7. Hammamet
8. La ragazza d’autunno
9. Dogs Don’t Wear Pants
10. Ultras

La Top Ten 2020 di JURI SAITTA

1. Diamanti grezzi
2. Un lungo viaggio nella notte
3. Roubaix, una luce nell’ombra
4. I miserabili
5. Ema
6. Mank
7. Little Joe
8. Wolfwalkers – Il popolo dei lupi
9. Undine – Un amore per sempre
10. Favolacce

La Top Ten 2020 di LISA CECCONI

1. L’uomo invisibile
2. L’immensità della notte
3. Diamanti grezzi
4. Il processo ai Chicago 7
5. High Life
6. Roubaix, una luce nell’ombra
7. Richard Jewell
8. Mank
9. Il lago delle oche selvatiche
10. Wolfwalkers – Il popolo dei lupi

One Comment

  1. Giac says:

    Sono contento ci sia L’uomo invisibile, ottimo horror!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly