adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Roubaix, una luce nell’ombra

sabato 24 Ottobre, 2020 | di Carolina Caterina Minguzzi
Roubaix, una luce nell’ombra
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

La malinconia del commissario Daoud

È freddo e buio a Roubaix, è la notte di Natale e la città è in fiamme. Il commissario Daoud sta facendo la ronda notturna, di lì a poco si scateneranno una serie di eventi nefasti. Liti, truffe, criminali recidivi, stupri e omicidi fanno parte di Roubaix, la città dove il commissario ha passato l’infanzia e in cui è appena arrivato un nuovo poliziotto, il giovane investigatore Cotterel.

Presentato al Festival di Cannes 2019, l’ultimo film di Arnaud Desplechin è estremamente incentrato sulla realtà, quella che tassello dopo tassello il regista ha costruito intorno a Roubaix, sua città natale e ossessione. La piccola città industriale è per Desplechin come la Martigues in Toni di Jean Renoir, ciclicamente invasa da qualcosa che la fa ritornare al punto di partenza. Il regista, infatti, non smette mai di scrutarla, di scoperchiare vasi che racchiudono scomode conoscenze, e affida questo sublime lavoro ai suoi attori che, in dialogo costante con la macchina da presa, creano un triangolo amoroso fra autore, camera e attori.

Le parole del commissario Daoud rassicurano vittime e carnefici allo stesso tempo, è un uomo dotato di una pacatezza e di un’eleganza rare, soprattutto all’interno di un film poliziesco. Desplechin, infatti, riprende e decide di non tagliare le passeggiate di Roschdy Zem, avvolto nel lungo cappotto nero, perché è così che si muove un uomo dotato di grazia. Quest’ultima è infatti la caratteristica che gli permette di non giudicare mai chi ha davanti. 

Daoud insieme a Cotterel indagano sul brutale omicidio di un’anziana signora. Vengono indiziate le conviventi, amiche e amanti Marie e Claude, vicine di casa della vittima. E se Cotterel si dispera davanti allo sguardo glaciale, ostinato e furioso di Léa Seydoux, il commissario Daoud nel corso del suo interrogatorio a Marie, interpretata da Sara Forestier, sottolinea con tranquillità che non ama arrabbiarsi e che raramente gli capita.

Daoud si fa incarnazione di una lunga serie di personaggi che Desplechin, con la sua macchina da presa, nel corso dei suoi precedenti film (da Comment je me suis disputé… (ma vie sexuelle) e Racconto di Natale fino a I miei giorni più belli e I fantasmi d’Ismael) ha dissezionato, per esplorare nel dettaglio i sentimenti messi in scena dagli attori. Daoud si muove rilassato nell’ombra, perché in realtà è lui l’unica luce all’interno delle misteriose vie di Roubaix. Conosce le “sue” persone, sa sempre chi sono i colpevoli e sa dove cercare all’interno della fitta rete di strade e palazzi. Ama quella città o forse più semplicemente si fa carico dell’ossessione del regista che, questa volta, ha deciso di darle vita come se fosse un altro personaggio.

Roubaix è cupa, è un’ombra che, nel suo prendere vita, risucchia tutta la luminosità di cui parla l’ispettore, ma lui, imperterrito, non si lascia atterrire dalla crudeltà che lo circonda e dal linguaggio inclemente dei criminali. Daoud e Desplechin in Roubaix, una luce nell’ombra vivono i ricordi con aria malinconica, ma guardano al futuro (si pensi a quando l’ispettore racconta delle giornate in cui osserva i bambini giocare al parco come faceva lui da piccolo) con la convinzione che cercare di comprendere le persone sia una possibile chiave per il progresso.

Roubaix, una luce nell’ombra [Roubaix, une lumière, Francia 2019] REGIA Arnaud Desplechin. CAST Roschdy Zem, Léa Seydoux, Antoine Reinartz, Sara Forestier. SCENEGGIATURA Arnaud Desplechin, Léa Mysius. FOTOGRAFIA Irina Lubtchansky. MUSICHE Grégoire Hetzel. Poliziesco/drammatico, durata 119 minuti.

2 Comments

  1. Cri says:

    non mi ha entusiasmato la prima parte, pur con momenti felici – è come se lui non si trovasse sempre a proprio agio col noir e la sua durezza, un po’fuori dalle sue corde -; la seconda parte è però straordinaria e implacabile

    • Carol says:

      Concordo con te, per la prima parte del film è tutto un po’ incerto, però è riuscito a comunque a creare una solida base per la seconda parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly