adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

A Royal Weekend

sabato 12 Gennaio, 2013 | di Francesco Grieco
A Royal Weekend
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

La debolezza del punto di vista
L’utilizzo della voce off di miss Suckley, lontana cugina e amante del presidente Roosevelt, per molte sequenze del film, conferisce ad esso un quid di letterarietà. Ci si aspetterebbe, forse ingenuamente, una minuziosa ricostruzione storica o un film di raffinata introspezione, ma il punto di vista della Suckley, dal quale, quindi, gran parte degli eventi sono filtrati, non è affatto approfondito e, anzi, risulta, in verità, ben poco interessante.

Tutto rimane in superficie e Roosevelt ne vien fuori semplicemente come un ubriacone sessuomane qualunque, con madre possessiva al seguito.a_royal_weekend Il che, se da un lato rivela aspetti della vita privata del personaggio, non è sufficiente a mostrarcelo come personalità complessa, a tutto tondo. Perciò, questa parzialità narratoriale ci sembra una scelta sbagliata, a giudicare dai suoi scarsi effetti.
Michell si limita, inoltre, ad inquadrare accademicamente i personaggi, distinguendosi soltanto nel sottolineare i turning point della narrazione con canzoni jazz dell’epoca: l’inarrivabile Moonlight Serenade di Glen Miller e I Don’t Want to Set the World on Fire degli Inks Spots, tra le altre.
Il problema nel film, allora, non è la sceneggiatura del drammaturgo Richard Nelson, ma proprio la regia di Roger Michell, che pur non deludendo quanto aveva fatto ne Il buongiorno del mattino, non riesce a valorizzare il lavoro degli interpreti, né ad aggiungere molto allo script. Dispiace per Bill Murray, da sempre uno dei nostri attori preferiti, che si cala perfettamente in un ruolo diverso dai suoi soliti, di quelli che piacciono parecchio all’Academy.
Gli unici momenti in cui A Royal Weekend prende quota sono la conversazione confidenziale tra Roosevelt e il sovrano inglese, che si mettono a nudo con virile schiettezza nelle loro debolezze fisiche e psicologiche, e quella, immediatamente successiva, tra il re e sua moglie. Si tratta delle uniche sequenze in cui il bozzettismo viene meno e i personaggi si trasformano da figurine in esseri umani complessi. Quando poi ricompare Daisy Suckley – un’incolpevole Laura Linney – si ritorna, invece, alla prevedibilità e il film si dirige verso l’inevitabile lieto fine.

A royal weekend [Hyde Park on Hudson, Gran Bretagna 2012] REGIA Roger Michell.
CAST Bill Murray, Laura Linney, Samuel West, Olivia Colman, Olivia Williams.
SCENEGGIATURA Richard Nelson. FOTOGRAFIA Lol Crawley.
Commedia/Biografico, durata 94 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly