adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Bridgerton – Season 1

sabato 6 Febbraio, 2021 | di Carolina Caterina Minguzzi
Bridgerton – Season 1
Ultime serie
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

La giovanissima Daphne Bridgerton
Nella visionaria Inghilterra del XIX secolo tutte le famiglie aristocratiche, tra cui i Bridgerton, sono in fermento per l’inizio della nuova stagione del debutto in società delle figlie in età da marito.

L’ingenua Daphne dagli occhi da cerbiatto è in costante lotta con gli uomini che la circondano: dal fratello maggiore Anthony a un pessimo e insistente pretendente, fino ad arrivare a Simon, il Duca che le rapisce il cuore. Nel frattempo, seguiamo anche il tortuoso cammino della famiglia Featherington, una più che evidente caricatura dei personaggi di Cenerentola. Somiglianza che raggiunge il suo apice nel corso del sesto episodio, quando una delle tre sorelle improvvisa una canzone che fa rimpiangere Canta usignol interpretata, nel film d’animazione Disney, da Genoveffa. Le storie delle due famiglie si intrecciano nel corso degli episodi e chi le tiene legate è soprattutto l’ignota Lady Whistledown (la cui voce originale è di Julie Andrews), che si diverte a scrivere un bollettino di gossip sulle famiglie aristocratiche più interessanti. 

Il glicine sulla facciata della villa della famiglia Bridgerton ci introduce alla smaccata palette di colori che animano la serie Netflix firmata dalla coppia, ormai consolidata, Shonda Rhimes e Chris Van Dusen. Colori pastello, dolcetti, ricchi buffet, balli sfarzosi, pizzi e merletti in ogni dove imbellettano ogni episodio della serie, che attinge esageratamente dall’immaginario di Marie Antoinette di Sofia Coppola. E se la Coppola è rinomata proprio per le originali scelte musicali che caratterizzano i suoi film, in Bridgerton le cover con i violini di alcune canzoni pop degli ultimi anni evidenziano il pessimo gusto nella scelta dell’accompagnamento alle immagini e il disastroso matrimonio sonoro, che risulta inutile e sgraziato.

Bridgerton è una forma di serialità che è difficile, ma non impossibile, inserire all’interno della rosa dei titoli appartenenti alla categoria del guilty pleasure. Questo perché gli intrighi che coinvolgono molti dei personaggi hanno risoluzioni troppo intuitive, celate con abilità da un ritmo rapido. Quest’ultimo però fa assopire le facoltà deduttive di quegli spettatori che si sono abbandonati alla visione passiva nei confronti della serie e del suo politicamente corretto. 

Bridgerton si regge sulle fondamenta di teen drama come Gossip Girl, che le conferiscono una superficiale patina contemporanea nonostante l’assenza dei social e dei cellulari, e di serie passate in sordina come Dickinson o Chiamatemi Anna per la caratterizzazione di alcuni personaggi: si pensi alla somiglianza con Eloise Bridgerton e quindi al suo spiccato umorismo, al suo rapporto con il fratello Colin e all’amicizia con Penelope Featherington. 

Bridgerton attinge anche da serie sdolcinate e prive di conflitto per la costruzione dei suoi antagonisti e dei conflitti interiori. Quindi si inebria di ironiche idee per risolvere in maniera frettolosa i problemi dei personaggi: come succede anche in Quando chiama il cuore. Un esempio possibile è riscontrabile in alcune azioni di Colin Bridgerton, in particolare quando propone a Marina di fuggire con lui in una cittadina della Scozia (in pratica una Las Vegas inglese), per sposarsi di nascosto e velocemente.

Bridgerton è tratta dal primo romanzo della saga (di successo negli Stati Uniti ed ora in crescita in Italia) di Julia Quinn. La serie punta molto, forse proprio per provocare una reazione strategica da parte del pubblico e della critica, su una rappresentazione spiccata dell’erotismo, alla Cinquanta sfumature di grigio di E. L. James. Infatti, la tematica che continua ad essere al centro dell’attenzione di pubblico e stampa riguarda l’avvicinamento e la scoperta edulcorata della sessualità da parte di Daphne, giovanissima quanto la protagonista di L’educazione sentimentale di Eugénie di Aurelio Grimaldi e sicuramente molto meno destabilizzante di quest’ultima.

Bridgerton [USA, 2020] IDEATORE Chris Van Dusen.
CAST: Julie Andrews, Phoebe Dynevor, Regé-Jean Page, Jonathan Bailey, Luke Newton, Adjoa Andoh, Nicola Coughlan, Claudia Jessie.
Sentimentale/in costume, durata 57-72 minuti (episodio).

3 Comments

  1. Dado says:

    Tutto troppo: troppo sfarzo, troppo “mistero”, troppo mix di sesso e soap opera, troppa bellezza, troppe tematiche poco approfondite…alla fine ti rimane ben poco però…

  2. Glow says:

    Mmmm non sono tanto d’accordo, secondo me come serie di intrattenimento un po’ alla Harmony fa il suo dovere. E rappresentare il piacere/sesso dal punto di vista di Daphne non era scontato!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly