adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Star Wars: Episodio VIII – Gli ultimi Jedi

sabato 16 Dicembre, 2017 | di Filippo Zoratti
Star Wars: Episodio VIII – Gli ultimi Jedi
In sala
13
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPOILER FREE! NO SPOILER!
Uccidere il passato
Ci avrete fatto sicuramente caso: l’hype attorno a Star Wars: Episodio VIII è stato scarsissimo. Non solo se confrontato con gli squilli di tromba che due anni fa preannunciarono Il risveglio della Forza, ma anche se paragonato ad esempio ad uno qualsiasi dei blockbuster usciti al cinema negli ultimi anni.

I motivi di cotanto crollo mediatico e social vanno ricercati semplicemente nell’evidenza dei fatti: l’Episodio VII di J.J. Abrams spuntava fuori dal nulla dell’abbandono, creava aspettative, voli pindarici e invocazioni al miracolo disneyano; ora invece siamo in piena corsa al franchise, con l’annuncio non solo di svariati spin-off (Rogue One, Solo… e poi?) ma addirittura di una nuova futura trilogia in fase di scrittura. mediacritica_star_wars_gli_ultimi_jedi_290L’evento non è più evento, ma si è fatto appuntamento fisso, e l’originale sgangherata epica lucasiana – sic transit gloria mundi – è stata proditoriamente sostituita da una moderna macchina da guerra che non sbaglia un colpo, produce in serie e pianifica da qui all’infinito (e oltre). Non è di per sé un male (Episodio I e II, quelli sì che erano il Male), quanto piuttosto una necessaria presa di coscienza: senza la Disney non ci sarebbe più Star Wars, e occorre quindi scendere a patti con il diavolo… a forma di topo. Gli ultimi Jedi è una prova di forza, quasi a muso duro: dopo essere stati blanditi e sedati dalle comodità nostalgiche di Abrams, con il ritorno dei vecchi personaggi della saga e l’innesto di nuovi caratteri sui quali fantasticare per un paio d’anni, veniamo stravolti dal rinnovatore e “rottamatore” Rian Johnson (Looper, Breaking Bad), che prende le misure per il post-Episodio IX. “Uccidere il passato è il solo modo per diventare ciò che devi”, dice ad un certo punto Kylo Ren a Rey, e il precetto viene messo in atto con brutale consapevolezza. Gli Jedi che non si arrendevano mai sono riluttanti e pessimisti; i testi sacri su cui si sono formate generazioni di combattenti sono carta straccia; il Lato Oscuro e la Forza sono contrapposizioni manichee da gettare alle ortiche; la solennità quasi religiosa dei vecchi eroi viene derisa con un motto di spirito delle nuove performanti icone. La mitologia durata 40 anni, in sintesi, è superata e obsoleta, come il vecchio e ormai ornamentale C1-P8 rimpiazzato dall’iperattivo BB-8. Il compito di Rian Johnson è stato ben più complesso e delicato di quello di Abrams, come dimostrano questi 152 minuti fitti di lungaggini e battute fulminanti, cali di tono e sequenze mozzafiato, ridicolaggini (in)degne del peggior film Asylum e scene madri illuminanti. Chi vede in Star Wars 8 solo un “raccordo” fra il 7 e il 9 si sbaglia: qui ha inizio – piaccia o non piaccia – il vero nuovo corso di Guerre stellari. Che la Forza (o qualunque cosa sia diventata ora) sia con noi.

Star Wars: Episodio VIII – Gli ultimi Jedi [Star Wars: The Last Jedi, USA 2017] REGIA Rian Johnson.
CAST Daisy Ridley, Adam Driver, Mark Hamill, Carrie Fisher, Benicio del Toro, Laura Dern, Oscar Isaac.
SCENEGGIATURA Rian Johnson. FOTOGRAFIA Steve Yedlin. MUSICHE John Williams.
Fantascienza/Azione/Avventura, durata 152 minuti.

13 Comments

  1. BeatCinema says:

    Capisco che non si deve spoilerare, eliminate il post se volete… ma LEIA CHE VOLA NON SI PUO’ VEDERE!

    • Anonimo says:

      Si non si può vedere ed infatti io ho riso, ma non si può distruggere 152 minuti di film per una scena cretina. A me il film è piaciuto e penso che tutte le critiche che stia ricevendo siano semplicemente quelle dei super nostalgici della trilogia 70/80 che vorrebbero Luke con il deambulatore. Tra l’altro gli ultimi film a differenza delle vecchie trilogie hanno alzato altissimo il livello attoriale, perfino Hamill ha fatto la sua figura ( ricordo che era davvero mediocre) La Ridley invece arrivata al decimo pianto ( le verrà bene quello? possibile che non riesce ad esprimere le emozioni in maniera diversa ?) ancora non mi convince

    • Luca says:

      oltretutto, qui scopriamo che (giustamente) lei possiede poteri da Jedi e la Forza, e cosa fa?! la sua per salvarsi (logicamente) il culo, e poi, boh, quando potrebbe, anche se non si sa bene quali poteri abbia davvero, fa finta di essere una persona normale… ma, in fondo, questa è solo una delle forzature e dei non-sense di questo episodio che mandano in vacca 40 anni di mitologia…

  2. pocy says:

    Secondo me Kylo Ren ci regalerà grandi soddisfazioni, yuhuuu

  3. Black Rose says:

    Bello! Grande Disney!!!

  4. CSS says:

    Mi aspettavo tutt’altro, ma va bene così. Non capisco la polemica sui nuovi “pupazzi” gadget, anche Chewbacca e R2-D2 ai loro tempi lo erano mi pare

  5. The Bride says:

    Scusate ma la scena del ferro da stiro-astronave? Questi sono dei geni!

  6. Anonimo says:

    Ma non è verooo che ep. 1 e 2 sono il Male! L’1 sì, ok.. ma il 2 va benissimo così!

  7. Lino! says:

    Poca poca roba, avrebbero potuto gestire meglio davvero tutto. dalle cose lasciate in sospeso ai nuovi personaggi. Come sono deluso!

  8. Ogino says:

    Film orrendo, in sala non vedevo l’ora che finisse, tra un colpo di sonno e un insulto.. il maestro yoda che sembra un muppets è stato vergognoso!

  9. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2017 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly