adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Dragon Age: Inquisition

sabato 16 Maggio, 2015 | di Lisa Cecconi
Dragon Age: Inquisition
Media
5
Facebooktwittermail
Voto autore:

L’ultimo inquisitore
Prendete il meglio di Dragon Age: Origins, unite la trama di Dragon Age II e tagliate via quel combat system che lasciava qualcuno con l’amaro in bocca. Non sarete nemmeno a metà del gustoso bocconcino che la BioWare ha sfornato per voi.

Dragon Age: Inquisition, terzo capitolo della saga, è molto più di un semplice sequel. È un banco di prova che la casa canadese ha superato a pienissimi voti, con una ricetta che ha deliziato persino i gamers più schizzinosi. E non temiate di gustarla fredda: se l’uscita risale a sei mesi fa, la nuova espansione ha solo pochi giorni e va ad aggiungere ore di gaudio ad un gioco che lascia già sazi. L’avventura del nuovo capitolo riparte da dove l’avevamo lasciata,mediacritica_dragon_age_inquisition_290 con l’eterna lotta tra maghi e templari che ha devastato il continente del Thedas. Un’esplosione misteriosa e un varco aperto sul mondo dell’Oblio non migliorano di certo le cose: il vostro eroe dovrà farsi carico di un lungo percorso per venirne a capo. Davanti a lui si apre un open world imponente quanto suggestivo, con ambientazioni spettacolari, esplorabili liberamente – udite, udite! – su una cavalcatura, grande assente dei precedenti capitoli. Destreggiandovi tra innumerevoli quest, accumulando tesori ed equipaggio, accrescerete risorse e potere della temibile Inquisizione. L’intero mondo è nelle vostre mani e le scelte multiple che affronterete lo plasmeranno a vostro piacimento. Naturalmente ne pagherete lo scotto. Data la mole impressionante di avversari da eliminare, vi converrà dimostrarvi abili nell’acquisire roccaforti e alleati. Sta a voi decidere se con diplomazia o infilzando teste in punta di lancia, dopotutto l’Inquisizione non è nota per la carineria. Ma veniamo ai combattimenti, che tanta polvere hanno sollevato. Torna l’amata schermata tattica che Dragon Age II aveva messo da parte, con tanto di visuale dall’alto per la disposizione strategica del vostro party. Per combattere in prima persona, vi basterà scegliere un personaggio e adottarne il punto di vista, scatenandovi nell’action game e riprendendo fiato quando più vi aggrada. Dunque, solo gioie? Ovviamente no. Basta entrare in un qualunque forum per imbattersi in gente inferocita che si lamenta dei bug di grafica e dei dungeons ripetitivi. I difetti tecnici infatti ci sono, ma largamente compensati da una storia curata e complessa, dalla bellezza degli scenari e da un lavoro straordinario di doppiaggio e sonorizzazione. Tutti ingredienti di prima scelta che vi spingeranno a volerne ancora. Che resta da dirvi? Bon appétit.

Dragon Age: Inquisition [id., 2014] SVILUPPATORE BioWare.
DISTRIBUTORE Electronic Arts.
Gioco di ruolo, durata 100 ore circa.

5 Comments

  1. Ciss says:

    Assolutamente d’accordo su tutto. DAI è goduria pura!

  2. Teo says:

    Bella recensione, io ho adorato Origins, schifato il 2 e STRAVEDO per questo (anche se sono solo agli inizi!).

    • Lisa says:

      Grazie Teo, vedrai che non ti deluderà. Le tare del II sono ampiamente superate, le classi più bilanciate e garantisce tantissime ore di gioco, anche a mettercisi di impegno. Un bel salto di qualità.

  3. Maria Cristina says:

    Giocato, finito, rigiocato. Io mi aggrego alla schiera di quelli che durante il il secondo capitolo di questa saga si domandavano come accidenti la grafica avesse potuto essere affossata così dopo le meraviglie (per l’epoca) di Origins. “Dragon Age Inquisition” invece è veramente, ma veramente la mia scoperta ludica dell’anno! Vero per i bug su PC, tutto il resto è gioia pura!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly