adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Witcher 3: Wild Hunt

sabato 23 Maggio, 2015 | di Maria Cristina Andrian
The Witcher 3: Wild Hunt
videogiochi
10
Facebooktwittermail
Voto autore:

È aperta la stagione della caccia
Geralt di Rivia, personaggio nato dalla penna dello scrittore polacco Andrzej Sapkowski, ritorna a fare il duro lavoro dello Strigo nel nuovissimo – e ahinoi ultimo – capitolo della sua saga, The Witcher 3: Wild Hunt.

Invecchiato, (più) cupo, ma sempre pronto a stanare e sconfiggere bestie feroci e demoni dietro una giusta ricompensa, Geralt si muove a cavallo del fedele destriero Rutilia in un mondo ampissimo come missioni da svolgere e ben più che strutturato a livello di crescita del personaggio e intrighi di ogni sorta.  mediacritica_the_witcher_3_wild_hunt_290Arrivato pochi giorni fa sul mercato tra squilli di trombe, con un carico di mostruose aspettative e l’inevitabile confronto da sostenere con un altro fantasy sui generis, Dragon Age Inquisition, il gioco punta a conquistare il mercato grazie ad un mix capace di mettere a proprio agio vecchi e nuovi fruitori: ambientazioni e personaggi modellati con una grafica molto più che dettagliata, capaci di muoversi in arene singolarmente caratterizzate in maniera impeccabile. Si esplora senza timori il lato più oscuro del fantasy grazie a intrighi politici che richiamano automaticamente al mondo di Games of Thrones, ponendo al centro di tutto lui, un Geralt che sa di sangue, spade spezzate e grifoni, e le tre donne della sua vita, Ciri, Yennefer e Triss. E poi, come se un mondo sterminato pieno zeppo di storie relazionate fra loro e determinate da ogni singola scelta compiuta non bastasse, tra le novità ci sono la possibilità di rafforzare la nostra cavalcatura, le barche per muoversi tra le isole, il sistema facilitato per l’assunzione delle pozioni e nuovi agenti mutageni. Tuttavia, almeno nella versione per PC, The Witcher 3 presenta qualche difetto dovuto al downgrade della grafica: può accadere di tanto in tanto che i movimenti risultino sporcati, specialmente quando si salta con la cavalcatura da un punto all’altro. Il secondo tasto dolente è la rassomiglianza di svolgimento di alcune quest minori e il sentimento di sconforto che potrebbe assalire il giocatore fanatico desideroso di completare ogni più piccola missione secondaria. Non si può muovere un passo senza che spunti qualche nuova richiesta! Si tratta comunque di un fatto soggettivo che non inficia la bellezza grafica e narrativa di un videogame pronto a concludere letteralmente con i fuochi d’artificio una delle saghe più incisive nell’universo fantasy dell’intrattenimento videoludico. Buon viaggio!

The Witcher 3: Wild Hunt [id., Polonia 2015]
SVILUPPATORE CD Projekt RED.
DISTRIBUTORE Namco Bandai.
PIATTAFORME PC, X-Box One, PS4.
Gioco di ruolo, 100 ore circa.

10 Comments

  1. Ciss says:

    Ok, mi hai convinto, lo compro!!

  2. Sandro L. says:

    Immenso proprio! Preso ieri, devo dire che per ora mi sembrano soldi ben spesi.

  3. Teo says:

    In effetti le missioni secondarie sono infinite (tipo quelle di Dragon Age Inquisition), ma sono d’accordo con te che il gioco meriti davvero.

    • Maria Cristina says:

      Le missioni secondarie secondo me avrebbero anche potuto sforbiciarle, ma ehi!, per la perfezione aspettiamo il prossimo capitolo.

  4. Gio says:

    Gioco terribile: Skyrim venuto male. Sezione action terribile, il sistema di combattimento è veramente debole; grafica non all’altezza (questo è responsabilità delle console bidone del giorno d’oggi, almeno in questo la produzione non ha colpe); storia assolutamente lineare, l’unica opportunità che si ha di intervenire è tramite delle risposte multiple (siamo nel 2015, sta roba sa di amiga). Un’occasione sprecata, il mondo (molto affascinante) nel quale il tutto è ambientato meritavano un gioco molto migliore

    • Maria Cristina says:

      Il paragone con “Skyrim” è inevitabile, ma non posso dire di aver avuto l’impressione di trovarmi davanti ad una versione annacquata del suddetto. Sono invece d’accordo sulla grafica, che come scritto in recensione non è esattamente soddisfacente e sulla fascinazione che il mondo dello Strigo ha in sè. Per il resto ,mi spiace che non ti sia piaciuto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly