adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

God of War (2018)

mercoledì 23 Dicembre, 2020 | di Tommaso Moscati
God of War (2018)
videogiochi
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Un nuovo inizio? Ossia: ogni epoca ha i suoi miti (e le sue console)
L’anno di produzione in questo caso è d’obbligo, visto che God of War – a oggi il capitolo più recente della saga del dio della guerra, cominciata su PS2 e approdata alla PS4, incarnando la stessa storia dell’evoluzione del genere Action d’avventura in terza persona – è deliberatamente privato del suo numero cardinale. Kratos, un barbuto vichingo col viso segnato dal tempo, ha una nuova famiglia: una moglie, scomparsa di recente, e il figlio Atreus. Ma il passato, difficile da tenere a bada, non si fa attendere, costringendo un padre poco avvezzo al dialogo e un figlio gettato troppo presto nella vita adulta a intraprendere il viaggio che li condurrà a spargere le ceneri della loro cara defunta sulla cima più alta dei nove regni, come da sue ultime volontà. Nel lungo cammino, non privo di ostacoli, scopriranno qualcosa di loro stessi e impareranno a fidarsi l’uno dell’altro. God of War è la storia di questo viaggio. 

Dall’antica Grecia, ci si addentra nel regno della mitologia norrena, un mondo abitato da streghe, troll e altri esseri, e governato dal pantheon degli dei nordici come Týr, Odino e Thor.

Sullo sfondo le foreste scandinave, lucenti e incantate, dove a far da padrone è il gracchiare dei corvi. Le note di folk scandinavo composte da Bear McCreary (già noto per la colonna sonora di Far Cry 4) ci restituiscono la magia di quei luoghi. Se da un lato la rimozione della numerazione dal titolo suggerisce un riavvio della storia e delle meccaniche di gioco (sapientemente tradito su ambo i fronti), dall’altro è una conferma della vocazione alla serialità del titolo Santa Monica: ogni capitolo rimanda ad uno successivo, possibilmente ancora più iperbolico. 

Considerando questa esclusiva PlayStation 4 come portavoce dei valori del marchio, essa ci offre grandi spunti: ci dice che giocare a una storia d’avventura oggi prevede una maggiore introspezione nei rapporti tra personaggi, che il nostro sguardo sull’avatar deve essere più vicino, per una maggiore identificazione, anche in battaglia. Ci dice, infine, che il mondo di gioco, oltre a essere appagante per lo sguardo, deve poter essere esplorato e offrire sfide anche al di là della narrazione principale (esemplari le Valchirie che sostituiscono le vecchie arene). Delle altre esclusive PlayStation GoW rappresenta una summa delle peculiarità: il viaggio rituale e metaforico verso la cima della montagna (Journey); i colori vivaci e i puzzle, conditi da un tocco di humor (Ratchet and Clank e Crash Bandicoot), la complicità costruita nel corso del viaggio (The Last of Us e The Last Guardian), gli scenari iperrealistici, la fluidità e la messa in scena cinematografica a scapito della difficoltà (Infamous e Uncharted). 

Chi si aspettava un tabula rasa potrebbe rimanere deluso, ma per gli amanti della serie sarà gratificante ritrovare la stessa essenza non compromessa, con le giuste dosi di scazzottate e violenza di sempre. Un sollievo per chi aveva pensato a un GoW più vicino a un The Last of Us piuttosto che a un Devil May Cry. Le sue specificità, i suoi topoi (l’immancabile viaggio agli Inferi) e le sue ingenuità paiono uscirne indenni. Tanto fedele alla sua natura da far pensare che Cory Barlog, il suo autore, lo avesse sempre avuto così in testa. Se davvero si può parlare di un nuovo inizio, il cammino intrapreso promette bene. 

God of War [USA 2018] SVILUPPATORE SIE Santa Monica Studio.
DISTRIBUTORE Sony Interactive Entertainment.
PIATTAFORMA PlayStation 4.
Azione/Avventura, durata 30 ore circa (comprensive di missioni secondarie)
.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly