adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Final Fantasy 7 Remake

sabato 19 Giugno, 2021 | di Stefano Lalla
Final Fantasy 7 Remake
videogiochi
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Aerith che visse due volte
Anche il mondo dei videogiochi, come il cinema, vive di ripetizioni e numerose tra le più grosse uscite annuali sono ritorni inaspettati e variazioni su temi familiari, nuove incarnazioni degli eroi classici il cui numero di poligoni aumenta in modo esorbitante; nel caso di Final Fantasy 7 Remake (FF7R d’ora innanzi), il balzo avanti è di ben ventitré anni.

Con i suoi Final Fantasy Anthology (2001) e le versioni rimasterizzate di tutti i titoli classici per PSX e PS2, Square (Square Enix dal 2003) si è sempre impegnata per aggiornare e sfruttare il proprio catalogo di personaggi, storie e musiche indimenticabili che ha origine nel lontano 1987.

Tuttavia, nei confronti del settimo capitolo, il più popolare e il primo che ebbe successo in occidente, la politica di Square Enix era ferrea: ampliare il mondo con spin-off e prodotti collaterali, utilizzare i personaggi per crossover come Kingdom Hearts e Dissidia, ma mai toccare l’opera originale se non, tutt’al più, per renderne più nitidi i filmati e gli sfondi statici. Tale comprensibile atteggiamento è mutato nel 2015, quando fu annunciato un rifacimento in più parti, il cui sistema di combattimento avrebbe fuso l’azione in tempo reale con i classici turni.

Sono occorsi cinque anni di sviluppo, durante i quali fu rilasciato anche Final Fantasy XV, capitolo malriuscito e quindi costantemente aggiornato con migliorie tecniche, spin-off e DLC che, tuttavia, ha il merito retrospettivo di porre le fondamenta per le nuove e più riuscite meccaniche di FF7R. Ed ecco che, nel 2020, la città di Midgar riprende vita, più grande e più realistica che in precedenza; essa è rivelata anche stavolta dalla celebre carrellata aerea, tagliata dal logo della meteora verde e dal titolo in maiuscolo. Questo primo capitolo dell’ambizioso remake amplia la parte iniziale della storia originale ed è quindi ambientato nella metropoli fantascientifica, che diventa a tutti gli effetti protagonista, un po’ come accadeva alla tentacolare Gotham City di Batman (1989).

Il logo sparisce, la telecamera plana e si adagia sui vagoni di un treno in corsa verso il reattore Mako 1. Il volto di Cloud, il giovane mercenario al soldo degli ecoterroristi di Avalanche, è infinitamente più dettagliato che in precedenza; i suoi occhi, da blu che erano, sono diventati verdi, simbolo di un atteggiamento infedele che procura delle belle sorprese al giocatore esperto ma si dimostra, purtroppo, furbo e immaturo nella parte conclusiva del gioco. L’originale FF7 aveva uno stile fumettistico, assurdo e adatto alla scarsezza di poligoni cui ci si adattava; trasporli in un contesto più credibile senza tradire l’aspetto dei protagonisti non era un’impresa facile ma, se la spada di Cloud resta sproporzionata e i suoi capelli sfidano ancora la forza di gravità, in Tifa, Aerith e Barret si è giunti a un ottimo compromesso tra le necessità contrastanti, complice anche un doppiaggio inglese davvero ottimo per gli standard videoludici.

FF7R è un gioco sfaccettato con innegabili momenti di grandezza: il sistema di combattimento è coinvolgente quando controlliamo un gruppo di tre personaggi, ma risulta rigido all’inizio del gioco, quando ne avremo soltanto uno a disposizione; la narrazione principale è insieme frizzante e drammatica, coerentemente col gioco originale, ma le missioni secondarie sono insipide e ripetitive; la scrittura è ottima quando si tratta di ampliare la storia conosciuta e arricchirla di dettagli, ma le infedeltà s’insinuano a poco a poco e si accumulano per esplodere nel finale a sorpresa, un lungo e compiaciuto gioco metanarrativo di cui davvero non si sentiva il bisogno.

Final Fantasy 7 Remake [Giappone 2020] SVILUPPATORE Square Enix.
DISTRIBUTORE Square Enix. 
PIATTAFORMA PlayStation 4, PlayStation 5.
GDR/Azione, durata 40 ore circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly