adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

E ora parliamo di… Baz Luhrmann

mercoledì 22 maggio, 2013 | di Martina Farci
E ora parliamo di… Baz Luhrmann
Review
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

È sempre uno “spettacolo spettacolare”
Che Baz Luhrmann fosse un regista visionario si era già intuito con il primo film, Ballroom – Gara di ballo (1992), ma con Romeo + Giulietta di William Shakespeare (1996) se ne ebbe l’assoluta conferma.

Fin da subito fu chiaro il suo stile, un’incredibile opera di crossover dove si mescolano più espressioni artistiche, tra le quali musica, teatro e cinema. Il culmine di questa espressione visiva si ha indubbiamente con Moulin Rouge! (2001), film che non solo consacra il regista, ma riapre anche le porte al genere musical. I primi tre film appartengono alla cosidetta trilogia del “Red Courtain”, in onore proprio di quel drappo che in teatro separa la realtà del pubblico dalla finzione del palcoscenico, e che simboleggia il contatto tra lo spettatore e l’autore. È un elemento caratteristico in tutti e tre i film, ma con Ballroom Luhrmann sembra preparare lo spettatore a quello che sarà il suo cinema, costellato di musica, costumi e colori.mediacritica_e-ora-parliamo-di-baz-luhrmann Ma anche al fatto che quello che narra è opera di pura fantasia o rappresentazione: questo avviene attraverso il ballo, il linguaggio aulico in Romeo + Giulietta, o con il dialogo cantato in Moulin Rouge!. Sono soprattutto questi ultimi due film a rispecchiarsi e a trovare elementi comuni, come l’alternanza di momenti tragici a quelli comici, o come nell’incipit venga già svelata la fine della disperata storia d’amore protagonista di entrambi i film. Ma sono l’amore e il sogno ad essere sempre ricorrenti in tutti i film, anche nel successivo Australia (2009) e nell’ultimo Il Grande Gastby (2013). Sono due film completamente diversi, il primo si discosta dal “Red Courtain” per un inno d’amore alla terra d’origine di Luhrmann, l’Australia appunto, in un kolossal storico che sembra perdersi troppo tra ampie distese di deserto e scene di guerra, il secondo sembra voler ricalcare Moulin Rouge!, con caratteristiche stilistiche molto simili, soprattutto nella prima parte del film e nel personaggio di Nick Carraway che ricorda molto il Christian del film del 2001, ma che riafferma ulteriormente la sensibilità e la poetica di Luhrmann nel mescolare magistralmente colori e musica. Un cinema dove anche gli interpreti riescono a dare il loro meglio, rispettivamente Nicole Kidman e Leonardo Di Caprio, entrambi diretti in due film, se non si considera lo spot per Chanel N. 5. Un connubio ormai collaudato, un rapporto di totale fiducia che nel film si vede e si percepisce. La Kidman con Moulin Rouge! ha spiccato il volo, Di Caprio con Il Grande Gastby si è superato. Baz Luhrmann, quindi, si conferma regista visionario nel riuscire a rimodellare storie tragiche e classiche in uno “spettacolo spettacolare”. E non si può certo negare che i suoi film siano una gioia per gli occhi e per le orecchie, rasentando con Moulin Rouge! la perfezione e trovandovi quindi il giusto equilibrio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly