adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

E ora parliamo di… Luciano Salce

mercoledì 4 Novembre, 2015 | di Stefano Lalla
E ora parliamo di… Luciano Salce
Review
3
Facebooktwittergoogle_plusmail

40 MOSTRUOSI ANNI CON FANTOZZI
Vieni avanti, cretino!
Quarant’anni fa usciva il primo, tragico, Fantozzi e la carriera cinematografica di Paolo Villaggio, che è anche autore dei libri, non sarebbe stata più la stessa. Il ragionier Ugo Fantozzi è una di quelle maschere comiche popolari che sembrano identificarsi col proprio interprete. In pochi ricordano, invece, il nome del regista di quei primi due film: Luciano Salce. Nondimeno, il suo lavoro ha determinato la netta superiorità delle due pellicole sui capitoli successivi della serie che, pur quando si ispirano al materiale letterario, sono più frivoli e hanno meno colore politico.

Radicale e orgoglioso, Luciano Salce ha sempre fatto film politici, sia quando la politica c’entrava poco (Fantozzi, La voglia matta), sia quando era posta esplicitamente al centro della narrazione (Il sindacalista, Colpo di stato). Egli appartiene alla generazione che ha vissuto l’armistizio (immortalato nel suo capolavoro, Il federale) e ha diretto molti tra i più grandi interpreti del periodo: Ugo Tognazzi, Nino Manfredi, Monica Vitti, Lando Buzzanca e la lista potrebbe proseguire. Antifascista ma non sessantottino, Salce si pone in posizione critica tanto nei confronti del mediacritica_luciano_salce_290governo, che s’identifica ancora con la Democrazia Cristiana, quanto dei capelloni e dei movimenti rivoluzionari, troppo violenti o troppo “hippy”. Insieme a un altro mostro sacro come Monicelli, Salce dà forma alla commedia all’italiana e le imprime un’impronta ideologica, più o meno definita, che rimarrà tale per tutti gli anni ‘60 e ‘70. Non si toglie però spazio alla parte umoristica, ispirata inevitabilmente alla commedia dell’arte ma ricca di quella vena grottesca che rendeva unico lo stile italiano. In bilico tra la farsa e il severo commento sociale, il cinema di Luciano Salce è eclettico come l’autore stesso, un vero e proprio intrattenitore capace di recitare, scrivere, suonare e cantare. Spesso interprete minore nei suoi film, Salce si è impegnato a mostrare gli eterni vizi degli italiani, qualche volta con rigidità, altre in maniera complice; a volte con la finezza de Il federale, altre col registro grossolano da farsa della commedia scollacciata, fino all’autoironia cinefila di un classico cult come Vieni avanti, cretino!. Al centro tra le diverse spinte stanno i suoi film più ricordati, quelli nati dalla fortunata collaborazione con Paolo Villaggio. Fantozzi è maschera e simbolo nazionalpopolare ma è anche tragico. I suoi film sono pieni di sequenze di comicità slapstick ma ritraggono anche un’Italia che abbandona il lavoro in fabbrica in favore degli uffici, del settore terziario, della contabilità (la Mega Ditta). Se il boom economico è stato immortalato da innumerevoli pellicole, pochissimi film sono riusciti, invece, a cogliere questa seconda trasformazione come fece la (troppo lunga) saga del ragionier Ugo Fantozzi, ed è tutto merito della coppia Salce-Villaggio che continuerà a produrre negli anni immediatamente successivi con Il… Belpaese e Professor Kranz tedesco di Germania. Salce ha continuato a recitare e dirigere fin quasi al momento della morte, avvenuta nel 1989 in seguito a un attacco cardiaco. Lascia un’eredità di commedie amare ricordatissime (proprio in questi giorni Fantozzi è riproposto nei cinema di tutta Italia) e di “filmetti” da riscoprire, che sorprendono ancora oggi per l’arguzia e il contenuto politico.

3 Comments

  1. Gianduia says:

    Gran bel pezzo!

  2. Moschio says:

    Stefano complimenti bel pezzo! Salce è un autore che merita ancora di essere (ri)scoperto!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly