adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

E ora parliamo di… David Bowie

giovedì 14 Gennaio, 2016 | di Gabriele Baldaccini
E ora parliamo di… David Bowie
Review
1
Facebooktwittermail

Bowie: Odissea nello spazio
C’è un film del dj Fritz von Runte che può essere considerato uno degli oggetti perfetti utilizzabili per riflettere su ciò che l’entità David Bowie ha significato – e probabilmente significherà per chissà quanto tempo ancora – per il mondo dello spettacolo: si intitola Bowie 2001 ed è un rimontaggio del 2001 di Stanley Kubrick con sovrapposti, come colonna sonora, buona parte dei pezzi più importanti del Duca Bianco, remixati con un fare tra dub, ambient techno e svisate electro-freak.

È un film che utilizza due miti assoluti trasfigurandoli, mostrandoci come sia possibile ricomporre ogni parte di essi senza che vada persa la loro carica leggendaria; sia per il film di Kubrick che per l’intera carriera di Bowie il discorso, infatti, non cambia: ogni parte vale il tutto, ogni parte è un frammento spettacolarizzante tanto quanto lo è l’intera opera/vita. Un viaggio straordinario nell’infinito e oltre. Sì, perché Bowie è stato proprio questo:mediacritica_david_bowie_290 un viaggio che da quando è iniziato non ha più avuto termine e che ha influenzato tutti coloro che ne hanno preso parte e anche coloro che, per un motivo o per un altro, a quel viaggio non hanno voluto partecipare. È quasi impossibile oggi non percepire Bowie in tante delle performance musicali e degli show che tutti i giorni ci circondano, ci assalgono, ci sopraffanno. È impossibile non sentire Bowie in gran parte della produzione pop mondiale, è impossibile non comprenderne l’influenza assoluta sui suoni e sul rock inglese, soprattutto su quello degli ultimi 25 anni. Perché Bowie è anche il trasformismo, la metamorfosi repentina, la capacità di non alterarsi cambiando continuamente. Proviamo ad ascoltare (e pensare) un disco come Low del 1977: una progressione inesorabile, chitarre affilate, luci abbaglianti, motorik germanici, schegge compulsive. E poi il flusso spirituale della seconda parte, come se mutasse tutto e non mutasse niente, il sonico che trascende ogni cosa, ogni vuoto e ogni pieno, e Bowie è come se non ci fosse più, è come se un mondo nuovo avesse avuto origine dalla stessa materia di cui sono fatti gli eroi. Tutto ciò ha a che fare con il cinema. Nel 1978 Bowie disse: “La mia intenzione è di incapsulare quello che vedo attorno a me, l’ambiente e il tempo, con la musica, così che se potessi guardare indietro al mio lavoro dal 1980 vedrei gli anni Settanta attraverso i miei occhi, come una serie di dipinti”. Che lo si voglia o no, quei dipinti sono sempre stati in movimento, i quadri di quella che è un’esposizione cinematografica della sua vita e della sua arte. Quando nel 2013 uscì The Next Day, fu un evento inaspettato. In pochi sapevano che Bowie fosse al lavoro da circa due anni su un nuovo disco; riuscì a tenere segreta la cosa compiendo un’operazione straordinaria, riuscendo a oscurarsi in tempi “internettiani” nei quali tutto deve apparire continuamente e deve essere comunicato alla velocità della luce. Ma un piccolo dettaglio non venne preso in considerazione: era lui la velocità della luce. E lo ha dimostrato ancora una volta con la messa in scena definitiva della sua morte nel suo ultimo lavoro Blackstar. Come scrisse Christian Zingales su Blow Up del marzo 2013: “Il fatto che Bowie sia stato più forte di Internet evoca qualcosa che è da rimandare a forze arcane e soprannaturali”. Evoca qualcosa di molto simile a un’infinita odissea nello spazio: il senso cinematografico di un’esistenza-spettacolo alla quale forse mai più avremo la possibilità di assistere.

One Comment

  1. Dario says:

    Grandissimo Duca Bianco. Bel pezzo, mi sono commosso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly