adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Cent’anni di Ingmar Bergman

sabato 22 dicembre, 2018 | di Vincenzo Palermo
Cent’anni di Ingmar Bergman
2018: un anno di cinema
14
Facebooktwittergoogle_plusmail

Una vita allo specchio
Non c’è motivo iconografico più efficace dello specchio per analizzare l’opera multiforme e polisemica portata avanti da Ingmar Bergman dal 1942, anno in cui fu assoldato come sceneggiatore alla Svensk Filmindustri, fino al 2003, data di uscita di Sarabanda, ultimo lungometraggio girato in digitale per la televisione.

Il primo amore dell’eclettico uomo d’arte fu però il teatro, per il quale compose allestimenti prosastici quando frequentava l’università a Stoccolma e, successivamente, luogo di sperimentazione in cui iniziò il proprio cammino come assistente alla regia. Lo specchio, nelle sue opere più rappresentative, può apparire come amplificatore del doppio e del molteplice dell’esistenza (Monica e il desiderio, 1953) o materializzazione della recherche proustiana (Il posto delle fragole, 1957) perché l’essere è nell’apparire, in una purezza contaminata, in una riconciliazione impossibile, è ebbrezza del dionisiaco innervato in un apollineo fatto di torbidi e colpevoli sguardi in macchina (ancora Monica e il desiderio), ambienti claustrali e nebbie ovattate (Luci d’inverno, 1963), pietà femminili e silenzi assordanti (Sussurri e grida, 1973), immaginari saturi che connettono il teatro alla vita (Fanny e Alexander, 1982).
Ma lo specchio è soprattutto quello in cui si riflette Bergman al culmine del suo narcisismo da bulimico metteur en scène. Egli è stato aedo e rapsodo della sua epopea,mediacritica_ingmar_bergman_290 cantore unico delle sue gesta, padrone assoluto dell’irrazionale al quale si è sempre dichiarato devoto e di cui si considera adepto fin dalla scoperta infantile delle ombre venute fuori dal proiettore meccanico “con il suo comignolo ricurvo, la sua lente d’ottone ben modellata e il supporto per le pellicole”; falsificatore compulsivo della propria e delle altrui storie, creatore di immagini, rivoluzioni su schermo e mise en abyme che si aprono sulle quinte di un palcoscenico o che lentamente digradano in dissolvenze dall’ampio significato simbolico o di intensa drammaticità.
Capace di inscenare la morte del cinema narrativo e contemporaneamente di decretarne la rinascita come artefatto moltiplicatore di utopie (Persona, 1966), il genio svedese è riuscito a diventare il più classico dei moderni, a portare a galla le inquietudini di una società lacerata in un cinema filosofico e materico, ossessionato dal topos della maschera (il “vogel” de Il volto, maschera di nome e di fatto), da un “ateismo” cristiano che incrocia deliri puritani e schizofrenie giudaiche in un denso impasto di filosofia e bruciante umanesimo. Trainato dall’autorevole presenza di due grandi fonti d’ispirazione come il luminoso regista Victor Sjöström e il cupo drammaturgo August Strindberg, il motore dell’immaginario bergmaniano si è nutrito della joie cavalleresca che ha raccontato ne Il settimo sigillo e, sempre nel glorioso e terribile 1957, ha dispiegato nel melanconico “posto delle fragole” una narrazione che eregge ancora una volta la morte, e la sua maschera, al di sopra del tempo umano, al crocevia tra la lucidità dell’incubo e la fallacia dei sogni. Il suo è sempre stato un cinema del conflitto e dello shock, colmo di sperimentazioni linguistiche e attento alla rappresentazione della sensazione racchiusa nel concetto, svelato con accurate scelte stilistiche o con dialoghi pregni di un nichilismo “attivo”, capace di celebrare la vita dei suoi personaggi attraverso l’elaborazione costante del proprio tormento interiore e del proprio inconscio.
A partire dagli anni Ottanta Bergman sperimenterà i piccoli formati e troverà nuovi specchi nei quali celebrare definitivamente la vita e le sue pulsioni, anche se la sua straordinaria carriera sarà sempre e comunque contrappuntata da una “sonata di spettri”, revenant e doppi che cercano il proprio posto in un mondo ostile, uomini scollati dalla realtà, in bilico tra verità e menzogna, perennemente in cerca di un antidoto al male di vivere rappresentato dall’angoscia della scelta, dal conflitto con gaudenti arcidiavoli e cinici imbonitori, dall’impossibilità di capire chi siano realmente, all’interno di un teatro dell’anima, le marionette messe in scena e chi i perfidi burattinai. Il viaggio in una mitologia privata che Bergman, tra fiero autobiografismo e falsificazioni studiate, apre al grande pubblico era partito da molto lontano, dalle magiche ombre prodotte dal proiettore meccanico che ricevette in dono in tenera età ed è proseguito fino alla scoperta del più importante degli shock, quei «ventiquattro quadratini illuminati al secondo e, tra essi, il buio».

Cent’anni di Ingmar Bergman
5 7 100%

14 Comments

  1. Phantasm says:

    Omaggio doveroso.grandi!

  2. Mario alinni says:

    L’ultimo grande genio. Un pezzo bello quanto necessario. Grazie.

  3. Moana Veraldi says:

    Credo che non ci sia stato uomo d’arte più poliedrico di Bergman. L’articolo rende merito al genio sfruttando una chiave di lettura interessante e concentrandosi su temi di grande rilevanza. Letto con gusto.

  4. Anonimo says:

    Come sempre ben scritto e ricco di spunti…”un “ateismo” cristiano che incrocia deliri puritani e schizofrenie giudaiche in un denso impasto di filosofia e bruciante umanesimo”, Bergamo ci si rispecchirebbe.

  5. Vins says:

    Wow, grazie, anonimo!

  6. Paolo says:

    Articolo denso, meraviglioso, immaginifico, proprio come l’universo del genio Bergman. Grazie Vincenzo, leggere il tuo articolo mi ha emozionato.

  7. Giada says:

    Grande Bergman, bellissimo il pezzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly