adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

E ora parliamo di… Nanni Moretti

sabato 18 Aprile, 2015 | di Marco Longo
E ora parliamo di… Nanni Moretti
Review
5
Facebooktwittermail

In prima persona, alla ricerca dell’altro
Era il 1976 quando un ventitreenne esordiente romano firmava in Super8 il suo primo lungometraggio, destinato a una lunga programmazione al Filmstudio in Trastevere: nasceva un nuovo autore, in polemica con il consolidato cinema italiano, capace di restituire nelle sue storie una spiccata lucidità verso le contraddizioni, pubbliche e private, della società giovanile, del suo impegno politico, delle sue relazioni.

Da allora, il cinema di Nanni Moretti si è nutrito di due spinte uguali e contrarie, miracolosamente complementari nel consacrare il regista a un progressivo successo, nazionale e internazionale, sempre all’insegna di un’incondizionata libertà produttiva. mediacritica_nanni_morett_290Da una parte l’urgenza di un cinema in prima persona, dove il regista fosse personaggio e portasse con sé, opera dopo opera, le tracce di un’autobiografia esistenziale; dall’altra, la capacità di intercettare un pubblico ampio che, col tempo, si sarebbe consacrato affettivamente ai suoi lavori, alla loro ironia e tenerezza, riconoscendo in Moretti qualcosa di più di un regista: una voce-guida, una figura pubblica, un amico attraverso il cui sguardo fosse possibile fare un bilancio del tempo che passa, di come il mondo e la nostra vita si trasformino, si smarriscano, si riassestino.
Intimista e insieme politico, Moretti ha trasfigurato nel sogno, nel ricordo, nella pagina di diario, una riflessione aperta su se stesso come intellettuale e come borghese, amato da molti, da altrettanti detestato. Capace di muoversi con grande agilità su scritture completamente divergenti, ha attraversato la parodia della realtà, la prefigurazione sociologica, il racconto di genere, la messinscena della messinscena, l’autobiografia d’artista, padre, marito e militante, per rifugiarsi negli ultimi anni in una finzione più spiccatamente tradizionale, che in parte ne ha offuscato le attitudini di partenza.
Generalmente essenziale a livello visivo, autarchico nella scelta e direzione degli attori, Moretti ha fotografato a più riprese l’urgenza di una relazione: con la propria identità, con i sentimenti, con le responsabilità individuali, con la famiglia, con Roma e i suoi cittadini, con un’idea di politica, con la morte, con un intero Paese all’apice del collasso culturale e istituzionale. Sulla nostalgia – ora del passato, ora del futuro – si è fondata la sua elegiaca ricerca di un tu, di un cinema sì in prima persona, ma sempre proteso alla speranza di un incontro. Un cinema non privo di preziose discontinuità, ora espressione di una grande inventiva verbale, ora figlie della capacità di colorare la realtà con pennellate surreali e immaginifiche.
Contrariamente a quanto meriterebbe, in questi giorni il suo ultimo film sta ricevendo lodi sperticate e commosse per le ragioni sbagliate. Non è la qualità cinematografica, a tratti francamente traballante, a colpire maggiormente di Mia madre: nella scomparsa del più fedele dei tu, quello materno, a convincere è piuttosto la sincerità con cui Moretti definitivamente confessa la sua crisi, il suo smarrimento, il suo bisogno di ripartire. Sentimenti che non stanno sotto al film, ma sono il film stesso: le inquadrature, le proposte di regia e di racconto. Nell’indefinito e insieme puntuale “domani” con cui il film si chiude, a Moretti auguriamo di ritrovare una nuova serenità, e un nuovo slancio.

5 Comments

  1. Buffalo '66 says:

    Chiedo all’autore di questo ottimo pezzo: qual è il tuo film di Moretti preferito?

    • Anonimo says:

      Grazie Buffalo ’66, difficile dare una risposta… amo molto “Palombella rossa” e “Caro Diario”, ma non trovo da meno “La messa è finita” e, tra i film successivi al 2000, “La stanza del figlio”.

    • Marco Longo says:

      Grazie Buffalo ’66… ho molto amato “Palombella rossa” e “Caro diario”, ma non trovo da meno “La messa è finita” e, tra i film successivi al 2000, “La stanza del figlio”. Qual è il tuo preferito?

  2. Buffalo '66 says:

    Io amo parecchio gli esordi di Moretti! Ecce bombo e Io sono un autarchico, su tutti 🙂

  3. JaneLane says:

    Il primo Moretti è anche il mio preferito, ma sono anche legatissima ad Aprile, perché per motivi anagrafici è stato il primo film di Moretti che ho visto al cinema quando è uscito. Forse in assoluto il primo film sull’attualità politica che ho visto e vissuto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly