adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Mass Effect: Andromeda

sabato 15 aprile, 2017 | di Maria Cristina Andrian
Mass Effect: Andromeda
Media
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

They are back
Mass Effect 3 aveva lasciato i gamers col cuore a pezzi e la consapevolezza di aver viaggiato per tre capitoli attraverso una saga destinata a far parlare di sé molto tempo dopo il suo finale. Era tutto perfetto? No. Ma tutto era grandiosamente imperfetto, con il suo sistema di scelta del carattere del personaggio principale – voi chi eravate, Paragon o Renegade? – una squadra di colleghi alieni che hanno dato vita ad una serie di banters memorabili, buon sistema di gioco, nemici temibili e grandi rivelazioni.

Con Mass Effect: Andromeda, Bioware saggiamente e furbescamente riprende tutto ciò che di buono i precedenti capitoli avevano e cerca di migliorarlo. A risultati alterni. In questo videogioco, il player è chiamato ad impersonare uno dei gemelli della missione che vuole portare l’umanità oltre i confini dello spazio conosciuto. mediacritica_mass_effect_andromeda_290Dopo seicento anni in ibernazione, la Terra e il Comandante Shepard sono ben alle spalle, e il nuovo Pathfinder deve guidare i suoi compagni umani e non alla ricerca di un nuovo Eden. I risultati alterni si manifestano quindi non nella trama – classica, rassicurante, ma soprattutto fluida – quanto proprio nella nuova veste degli schemi riproposti. Ci sono i compagni alieni, ma seppur un paio di nuove leve si presentano promettenti, alla fine non c’è una nuova razza che faccia rimanere davvero a bocca aperta.
Trattandosi di un open game, il giocatore può esplorare sterminati pianeti, con dungeons di gioco impressionanti e graficamente accattivanti. Perciò l’irritazione di trovarsi davanti a movenze poco fluide durante i combattimenti – problema ironicamente riscontrato più sulle console che nelle versioni per PC – aumenta esponenzialmente dopo l’abbuffata di grafica dettagliata vissuta durante l’esplorazione. Sempre la grafica è il tasto dolente di un gioco che nel 2017, con l’ambizione di confrontarsi con altri titani quali The Last Guardian o Horizon Zero Dawn, non può proprio permettersi di avere. Se durante i combattimenti è possibile soprassedere su una momentanea mancanza di fluidità, sono già diventati soggetti per i meme le movenze balzane dei nostri eroi durante alcuni dialoghi. Tutto sommato, però, Bioware fa centro e lo fa bene, imbastendo nuovamente un’avventura galattica capace di lenire un po’ la nostalgia per il Comandante Shepard, transitando con una certa maestria dal vecchio mondo a quello tutto nuovo che il franchise si propone di ampliare ulteriormente nei prossimi capitoli.

Mass Effect: Andromeda [id., USA 2017] SVILUPPATORE Bioware.
DISTRIBUTORE Electronic Arts. PIATTAFORMA PlayStation 4, Xbox One, Microsoft Windows.
Fantascienza/Avventura/Azione, durata 200 ore circa (comprensive di missioni secondarie).

Mass Effect: Andromeda
4 3 80%

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.