adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

To the Wonder

sabato 6 luglio, 2013 | di Francesco Grieco
To the Wonder
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

L’amor che move il sole e l’altre stelle
Poema estetizzante sull’amore in tutte le sue forme, sacre e profane, opera introspettiva e psicologica sul silenzio di Dio e sulla fede, To the Wonder è un film che stordisce lo spettatore e gli dà le vertigini, per eccesso di bellezza. Lo sguardo del pubblico cinematografico medio, poco abituato a un bombardamento visivo di tale lirismo, non può che rifiutarlo, preferendogli opere più convenzionali e omologate.

Film spudorato e ammirevole nelle sue ambizioni altissime, To the Wonder, invece, è cinema allo stato puro. Polifonia di voci e confronto tra punti di vista, montaggio di immagini stupefacenti e di musiche potenti, superamento dei limiti immaginari della sintassi filmica tradizionale nella giustapposizione impavida di soli momenti pieni, horror vacui della significazione. Seconda parte del tacito progetto malickiano di rinnovamento del cinema mainstream americano attraverso innesti stilistici nascosti di provenienza avanguardistica e sperimentale, progetto che ha in The Tree of Life il suo inizio, To the Wonder è ancora più teorico ed estremo. La struttura narrativa si fa più libera e impalpabile, i personaggi più piccoli, anonimi ed insignificanti. Le immagini più dense, il ritmo costante. Dal labor limae degli innumerevoli montatori, Malick ha ottenuto un film che non concede pause distensive allo spettatore. Lo immerge senza interruzioni nei mondi interiori dei personaggi attraverso l’uso della voice off, nei paesaggi francesi e americani, dove si rispecchiano anime lacerate tra gli istinti terreni e il cielo, nella luce divina di Emmanuel Lubezki, nel buio dei pensieri. La macchina da presa, mobilissima, danza con grazia ophulsiana intorno ai personaggi. Rimane spesso incollata ai volti e ai corpi di Ben Affleck, Olga Kurylenko e Rachel McAdams, in questa ronde sentimentale appena accennata, nella crisi di coppia che è alla base della trama minima, pretesto per una rappresentazione solenne e intensa del misticismo panico malickiano. “Cos’è questo amore che ci ama, che viene dal nulla, da ogni luogo? Il cielo. Tu, nuvola, anche tu mi ami”.

To the Wonder [id., USA 2012] REGIA Terrence Malick.
CAST Ben Affleck, Olga Kurylenko, Rachel McAdams, Javier Bardem.
SCENEGGIATURA Terrence Malick. FOTOGRAFIA Emmanuel Lubezki. MUSICHE Hanan Townshend.
Drammatico/Romantico, durata 112 minuti.

To the Wonder
3.7 3 73.33%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly