adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Nomadland

sabato 1 Maggio, 2021 | di Juri Saitta
Nomadland
Oscar 2021
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Cosa resta della frontiera
Perlopiù ambientati nel Midwest, i film di Chloé Zhao non vogliono solo riprendere le condizioni socioeconomiche dell’America profonda, ma intendono anche riflettere su ciò che rimane, oggi, del mito della frontiera e delle sue origini. 

Una mitologia che nei lavori della regista trova i suoi “eredi” negli outsider disagiati ed emarginati che popolano gli States rurali: dai nativi adolescenti di Songs My Brothers Taught Me al cowboy proletario di The Rider, fino ai nomadi semi-disoccupati di Nomadland, visti come i successori ideali dei pionieri dell’Ovest. In quest’ultimo caso, la storia è quella di Fern, una donna di mezza età che, dopo aver perso marito e impiego, si “trasferisce” nel suo camper recandosi di volta in volta in South Dakota, Nebraska, Arizona e California per cercare i lavori più disparati, da corriere per Amazon a cameriera in un fast food.

Nel raccontare la vicenda della protagonista e, più parzialmente, delle persone che ne condividono il destino, Chloé Zhao sottolinea più volte che le ragioni che spingono i personaggi a condurre una vita girovaga non sono solo di natura economica e sociale, ma anche psicologica ed esistenziale. Infatti, quelle al centro del film sono storie di individui non più conciliati con il mondo e la società, che hanno scelto un’esistenza nomade, indipendente e solitaria per reagire a situazioni personali difficili e a volte persino tragiche, fatte di lutti, malattie e rotture familiari.

Ed è proprio in questo stile di vita e nelle motivazioni che lo guidano che la regista trova un parallelismo con i pionieri del West, come viene evidenziato anche nel finale, in cui si cita l’ultima scena di Sentieri selvaggi, il capolavoro di Ford dove il protagonista è, appunto, un pioniere nomade, solitario e non riconciliato. Una serie di parallelismi e riflessioni portata avanti attraverso tre differenti piani stilistici e narrativi: quello intimista e privato sulla protagonista; quello collettivo e semi-documentaristico sulle persone che la donna incontra durante il tragitto; quello poetico ed elegiaco sulla natura attraversata da Fern nei suoi spostamenti.

Una struttura, quella appena descritta, in cui risiedono i principali pregi e limiti del titolo in questione: se le riprese liriche sui paesaggi – pur a tratti suggestive – rischiano di essere un po’ stucchevoli e forzate nel loro reiterarsi, la focalizzazione sui personaggi è invece davvero riuscita, grazie anche allo sguardo sobrio e mai giudicante della cineasta, che riesce sempre a mantenere la giusta distanza dai soggetti narrati. Elementi che rendono Nomadland un film al tempo stesso crudo e delicato, capace di riprendere i disagi di un’umanità ai margini come di portare avanti una riflessione amara sull’America e su quel (poco) che resta della sua mitologia.

Nomadland [id., USA 2020] REGIA: Chloé Zhao.
CAST Frances McDormand, David Strathairn, Linda May, Swankie. 
SCENEGGIATURA Chloé Zhao (tratto dall’omonimo libro di Jessica Bruder).
FOTOGRAFIA Joshua James Richards. MUSICHE: Ludovico Einaudi.

Drammatico, durata 107 minuti.

One Comment

  1. Francesco Merlo says:

    Mi ricorda la Corazzata Potemkin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly