adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Blood Story

lunedì 3 Ottobre, 2011 | di Mattia Filigoi
Blood Story
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Carta carbone? Solo qualche foglio, grazie
“Il miglior film horror americano degli ultimi 20 anni”, firmato Stephen King. Solitamente, quando un film viene presentato con simili frasi entusiaste pronunciate da una qualche celebrità del genere, è bene girarsi e correre il più lontano possibile. Questa volta no, Blood Story non va evitato, semmai approfondito.

blood storyIl film di Matt Reeves è infatti il remake americano di un piccolo grande film svedese del 2008, Lasciami entrare di Tomas Alfredson (a sua volta tratto dall’omonimo romanzo di John Ajvilde Lindqvist), uscito in sala in Italia nel 2009 per cavalcare l’onda del successo di Twilight, dato che narra la storia d’amore tra un dodicenne umano e una sua coetanea vampira. Lo fa però con ben altro spessore rispetto alla celebre macchina hollywoodiana crea-teenager-urlanti, dove l’uso della figura del vampiro è più simbolica che d’effetto, e permette lo sviluppo di originali discorsi sul Male, sulla violenza della società e sulla sessualità, con scoperti rimandi a The Addiction di Ferrara. A vedere il trailer, Blood Story più che il remake pare la fotocopia di Lasciami entrare, ma non è così, o almeno non è proprio così. La storia è sì la stessa, ripetuta fedelmente in tutti i suoi punti focali, con dialoghi quasi identici e molte scene girate in maniera similare (come il finale in piscina), ma Reese è meno audace nell’affrontare le tematiche scabrose dell’originale: se da una parte il discorso verte sulla scoperta, anche violenta, della sessualità e della propria identità sessuale, dall’altra tutto si risolve in una più platonica storia di amicizia, certo commovente ma di gran lunga meno incisiva; l’introduzione del personaggio del detective che indaga sulle morti causate dalla vampira dà al film un’interessante venatura thriller, ma toglie spazio ad altri personaggi come i coetanei che vessano il protagonista a scuola, indebolendo il paragone tra la violenza della società “civilizzata” con la violenza di chi è costretto a praticarla per sopravvivere, punto cardine dell’originale; l’azione viene spostata dalla Svezia contemporanea al New Texas del 1983, in modo da giustificare l’uso dei deliranti discorsi televisivi di Reagan sulla purezza religiosa degli USA e sulle fiamme dell’inferno, e poter così accennare al tema del Male di stampo religioso, assente nella pellicola svedese e comunque superficialmente sviluppato nel suo remake. Essere meno audace rispetto a Lasciami entrare non toglie però meriti a Blood Story, che resta un film molto curato e appassionante, sicuramente più spettacolare dell’originale (si veda ad esempio la scena dell’incidente automobilistico del padre della vampira, girato tra l’altro come l’incidente automobilistico di Fabio Testi ne Il grande racket di Castellari) e degno di ogni attenzione. Non sarà “il migliore film horror americano degli ultimi 20 anni”, ma certo è nella top ten.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly